KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

aff1

NETBET 1

lady

Selling help

Selling help

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATIONS - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS, BECAUSE HUMAN AND CIVIL RIGHTS AREN'T A GOVERNMENTS' OR A FALSE DEMOCRACIES' OPTIONAL...

DONAZIONI - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI, PERCHE' I DIRITTI UMANI E CIVILI NON SONO UN OPTIONAL DEI GOVERNI O DELLE FALSE DEMOCRAZIE...


BTC:1DHyhYuFQGY3jz8JFJ9Ue43UL7Qzatnzi9


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Wednesday, May 25, 2016

L'Italia sta affondando, lentamente

Francesco Simoncelli's Freedonia
Fonte:http://francescosimoncelli.blogspot.it/2016/05/litalia-sta-affondando-lentamente.html

 




di Francesco Simoncelli

“Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta, non donna di provincie ma bordello!” -- Dante Alighieri

Se devo essere sincero, il clima di campagna elettorale non mi tange affatto. Sebbene l'Italia sia entrata in quel vortice di notizie e commenti riguardanti la nuova tornata elettorale, la repellenza provata nei confronti dell'attuale sistema democratico è una forza che mi tiene lontano dalle urne. Sono ormai dieci anni che mi tiene lontano dalle urne. Esattamente dall'ultimo picco di borsa italiano, quando l'entrata nell'euro da parte del nostro paese era riuscita a rimandare l'insolvenza nazionale. Infatti sin dal tonfo durante la Grande Recessione, la borsa italiana non è andata a da nessuna parte, passando da un rimbalzo ad un altro in quello che è sempre di più un lento deterioramento delle condizioni economiche di base.

Lo stesso vale per il mondo politico. Siamo passati da una figura politica ad un'altra, senza ottenere altro che un dissesto sociale continuo. Eppure la retorica del cambiamento non finisce mai d'essere ripetuta. Eppure la retorica della ripresa economica, dopo l'ennesimo rimbalzo verso il nulla, non finisce mai d'essere ripetuta.



È come se ci trovassimo in un continuo presente, in cui tutte le realtà che ne fanno parte si sforzano di prolungare questo stato di quiete il più a lungo possibile. Non esiste un futuro. In sostanza è quello che sta affermando la BCE sin da quando ha inaugurato i tassi negativi sui depositi in custodia presso la sua struttura. Inoltre, è quello che si ritrovano ad affrontare coloro che popolano i mercati azionari e obbligazionari. Infatti i margini di rendimento sono così sottili che ormai non esistono più giudizi oggettivi per determinare quale titolo valga la pena acquistare e quale no. Le banche centrali mondiali, attraverso la loro gigantesca Offerta d'Acquisto sotto forma di accomodamento monetario, hanno inondato i mercati finanziari con un continuo flusso di fondi a buon mercato, i quali hanno inizialmente distrutto una qualsiasi parvenza di determinazione onesta dei prezzi e in seguito assottigliato al centesimo di punto percentuale i rendimenti dei vari titoli.

Non solo, ma la nota peggiore di questa storia è data dalla pericolosità che rappresenta per la ponderazione del rischio la sinergia di questi due elementi. Non sorprende quindi, se il mercato ad alto rendimento sia stato reso "innocuo" negli ultimi 7 anni da una baldoria del credito alimentata dalle banche centrali e trasmessa in questi mercati (principalmente) da investitori istituzionali. Insomma, finché è fluito e finché fluisce il denaro a basso costo, pare che si crei una sorta di nebbia avvolgente che mantiene le cose in stallo. In un presente continuo. Ma ci sono essenzialmente due variabili che perturbano questo presunto equilibrio: l'esplosività dell'ingegneria finanziaria e il deterioramento dei creatori di ricchezza reale.

Per quanto riguarda il primo elemento, abbiamo visto come esso sia cresciuto a dismisura sin da quando le banche centrali hanno messo mano al loro arsenale non convenzionale. Accedere al credito è diventato molto più facile per chi potesse garantire denaro contante in controparte, o un flusso di cassa cospicuo. Inutile dire che il ricorso ad asset intangibili come quest'ultimo è stata una pratica comune tra le grandi aziende. Di conseguenza hanno potuto aggiustare l'andamento dei loto titoli in borsa attraverso campagne di riacquisti d'azioni proprie. Ma per quanto possa far apparire appetibile all'esterno una determinata attività, siamo tutti consci delle conseguenze che comporta ammassare debiti su debiti in un periodo in cui gli utili vengono depressi da correnti deflazionistiche.

Non solo, ma questo va a deprimere le spese in conto capitale che non hanno ragione d'essere in un ambiente in cui la fiducia dei consumatori è calante e le scorte s'accumulano.




Quindi l'unico modo che si ha per creare una sorta di presunta crescita economica è quella di far sembrare che il proprio titolo in borsa guadagni fiducia, nonostante la realtà dica il contrario, oppure rivolgersi ad un altro trucco finanziario: acquisizioni e fusioni. Ovvero, creare valore aggiunto fondendosi con altre attività commerciali che debbano, in qualche modo, creare una nuova realtà il cui potenziale di crescita è superiore alle due entità separate. Ciò non avviene solo a livello aziendale, ma anche a livello bancario. Attraverso l'esborso d' enormi somme di denaro si conferisce ad attività commerciali un valore che in realtà non hanno, costruendo sull'apparenza valore aggiunto che non esiste. Quest'ultima cosa soprattutto in virtù del fatto che il sistema bancario italiano è pingue di sofferenze, legate soprattutto al mondo obbligazionario della grande imprenditoria. Oltre alla loro esposizione nei confronti del debito sovrano, le banche commerciali hanno in pancia quantità esplosive di prestiti non performanti a famiglie ed imprese.

Ecco perché Draghi, ad esempio, ha incluso nell'accomodamento monetario europeo anche i bond IG. Ecco perché l'Italia si sta accapigliando affinché venga creata una sorta di bad bank che inglobi le sofferenze di suddette banche. All'aumentare delle problematiche create dalle precedenti intrusioni centrali da parte di banche centrali e stati, si risponderà con maggiori intrusioni centrali. E, come di consueto, col benestare del mondo accademico. Leggete con attenzione l'ultimo paragrafo di questo articolo. Gli autori si suppone che siano degli economisti di fama internazionale. Eppure affermano quanto scritto nell'ultimo paragrafo. Sin dal 1936 l'economia è diventata semplicemente il mero studio di formule e assiomi predefiniti, dove gli studenti avrebbero imparato a memoria le lezioni presenti nei libri di testo imposti dallo screening accademico. Cosa succede quando si viene "costretti" ad imparare a memoria? Stagnazione intellettuale. Perseguimento ostinato di metodi d'indagine sbagliati. Rigidità mentale. Conoscere a memoria formule sofisticate può fare di una persona un economista nell'accezione moderna del termine, ma di sicuro non la renderà un bravo economista.

Quando scopre che oltre il recinto intellettuale in cui è stata confinata, esiste un mondo di gran lunga più ampio, si trincererà con tutte le sue forze entro i confini "sicuri" del suo territorio, affermando che l'unico mondo esistente è quello sancito dalla tradizione accademica moderna. Può affermarlo, ma non è così. I fallimenti sempre più accentuati della pianificazione monetaria centrale sono un monito: esiste un mondo più ampio oltre la recinzione dell'economia mainstream, il quale non può essere delimitato da formule sofisticate.

Il fatto che la realtà sia molto più ricca di dettagli, il fatto che gli attori di mercato siano molto più creativi e variegati rispetto agli assunti dei ciechi credenti nei modelli economici, il fatto che l'accentramento dei poteri decisionali sortisca inevitabilmente errori di magnitudine maggiore -- come la richiesta di far diventare la Cassa Depositi e Prestiti (CDP) la nuova IRI -- questi fatti sono invisibili alla maggior parte degli economisti moderni. Ignorano come i costi e i benefici aggregati, siano semplicemente un'approssimazione sciatta della realtà, perennemente sconfessati dai costi e dai benefici relativi. La loro cecità fideistica li porterà ad essere ricordati come degli zimbelli. È accaduto agli "economisti" marxisti; accadrà anche per keynesiani e monetaristi.

Detto in modo diverso, questa gente vuole prendere i depositi postali e utilizzarli come garanzia collaterale per qualsiasi "investimento" lo stato voglia intraprendere. Piramidare sui depositi postali credito fittizio, equivale a creare una quantità maggiore di sofferenze economiche rispetto a quella che si vuole recintare. L'emissione di bond da parte di Atlante, ad esempio, rappresenta solamente un trucco per sfruttare la leva finanziaria e far credere ai mercati che è possibile trincerare in totale sicurezza tutte le sofferenze in Italia. Salvo poi scoprire, come accade ogni volta, che i numeri erano troppi ottimisti (soprattutto quelli che riguardano la valutazione di suddette sofferenze) e finire come la Popolare di Vicenza, la quale dopo gli eccessi degli anni passati ha lanciato la sua IPO a €0.10/azione rispetto ai €60/azione di qualche anno fa. Il cosiddetto fondo salva-banche, quindi, si appresta a salvare entità simili, con tutti i dubbi riguardanti il piano industriale dei prossimi cinque anni.

In poche parole, non esistono le basi grazie alle quali erigere una ripresa economica. Ciò che finora abbiamo visto in Europa e in particolare in Italia, è stato un tentativo da parte della banca centrale di puntellare i bilanci di coloro protetti dal suo cartello: stati e banche commerciali. Assicurazioni, fondi pensione e il resto degli investitori istituzionali hanno goduto indirettamente della manna monetaria, grazie soprattutto alla gigantesca Offerta d'Acquisto scatenata dalle banche commerciali in cerca di affari facili in virtù di un costo di carrying ridicolo tra tassi d'interesse e asset finanziari. Sin dal primo QE negli USA e dal primo LTRO in Europa, la strutturazione dell'accesso al credito è diventata sempre più frastagliata seguendo un percorso che ha annullato una qualsiasi ponderazione sana del rischio. Nessuna piccola/media impresa o famiglia si sognerebbe mai di prendere in prestito denaro overnight per le proprie attività. Nessuna piccola/media impresa o famiglia si sognerebbe mai di ricorrere al mercato dei pronti contro termine, vendere asset, raccogliere fondi e utilizzarli di nuovo per comprare altri asset.

Gli strumenti non convenzionali delle banche centrali hanno alimentato questo tipo d'attività finanziaria, lasciando il conto da pagare alla popolazione di Main Street. Infatti, nonostante piccole/medie imprese e famiglie abbiano intrapreso un percorso di deleveraging sin dall'inizio della Grande Recessione, tale percorso è stato reso ancor più dissestato dalla sottrazione di risorse economiche finite nei bilanci di quelle entità salvaguardate dal cartello delle banche centrali. Come ho sottolineato finora, tali risorse non sono state utilizzate per creare qualcosa di concreto o aumentare il bacino della ricchezza reale, bensì sono state sprecate. Non è un caso se la Grecia sia ancora in alto mare. Su queste pagine avete potuto leggere come e perché: le banche centrali, attraverso la manna monetaria concessa ai protetti dal loro cartello, hanno cercato d'innescare un effetto ricchezza a cascata su tutta la società. Questa cascata ha zampillato acqua fino al mercato azionario/obbligazionario. Perché? Perché l'economia più ampia non è in grado di portare ulteriore debito visto che ha raggiunto una condizione di Picco del Debito.

In questo modo la trasmissione della politica monetaria delle banche centrali all'economia più ampia è praticamente rotta. Questo, inoltre, è uno dei motivi per cui la manna monetaria è rimasta sostanzialmente confinata nel circuito finanziario. La gente comune, o Main Street, non è avvezza a giocare in borsa. Ciò lo dimostra anche il suo livello di alfabetizzazione finanziaria, in special modo quando Banca Marche ha proposto prodotti d'investimento ai propri clienti e questi ultimi si sono lasciati raggirare. L'unica cosa che la gente comune comprende quando si parla d'investimenti è la casa. Molto meno il mercato obbligazionario statale, sebbene parecchi di loro investano denaro in tali strumenti. Ciononostante la casa rimane il veicolo attraverso il quale le famiglie, ad esempio, hanno cercato di mettere da parte qualcosa per il futuro o crearsi un flussi di cassa aggiuntivo.

Il recente scoppio della bolla immobiliare italiana ha messo una croce su questo mercato, e ciò ha significato una fonte di guadagno in meno per la classe media. La contrazione del settore immobiliare ha lasciato a spasso un bacino di lavoratori non indifferente, e tale situazione è stata peggiorata oltremisura dalla fame smisurata dello stato che ha dovuto iniziare a diminuire il deficit ed aumentare le tasse affinché potesse stare al passo delle sue spese crescenti. La disoccupazione ciclica è diventata quindi istituzionale, dove le persone sono state incapacitate nel trovare nuovi lavori o aprire nuove attività dalla voracità fiscale dello stato e dall'oppressività della sua macchina burocratica.

La magnitudine che l'apparato statale ha ricoperto nel corso degli anni, a causa di un falso flusso di tasse apparentemente costante facilitato dal boom fasullo alimentato dalle banche centrali, ha creato un monumentale comma 22: non può licenziare il personale in surplus (politicamente suicida), non può smettere di aumentare le tasse (finanziariamente suicida). Questo gigantesco masso posto sulle schiene dei contribuenti, rappresenta l'ostacolo più grande ad una ripresa sostenibile dell'economia. È per questo che l'attuale governo italiano può creare sprazzi di occupazione solo quando inaugura una campagna di incentivi all'occupazione stessa; è per questo che le imprese cercano d'assumere quanti più individui in modalità part-time, in modo da evitare le magagne burocratiche dietro l'angolo quando gli incentivi terminano.




Di conseguenza, sebbene sia aumentata la quantità dei lavori è diminuita la loro qualità. Ma, come possiamo vedere dai due grafici qui sopra, oltre al part-time sono aumentati anche gli scoraggiati che non riescono a trovare lavoro e quelli che non lo cercano più. Ciò influisce sul tasso d'inattività. Senza dimenticare i dati riguardanti i "nuovi" occupati, poiché l'attuale pseudo-ripresa del mondo del lavoro italiano ha essenzialmente i capelli grigi. Questo perché, oltre a rappresentare un bacino affidabile d'esperienza a differenza di coloro che sono rimasti parcheggiati per anni nelle università e che non possono garantire sin da subito un adeguato livello produttività/redditività, le nuove riforme pensionistiche li costringono a rimanere nella forza lavoro ancora altri anni prima di poter aspirare alla vita da pensionati.

In tal modo, quei pochi settori della grande impresa che hanno goduto in modo indiretto della manna monetaria delle banche centrali, hanno potuto mostrare bilanci positivi e desiderio d'ingaggiare nuovi dipendenti. Un caso del genere è la Fiat, la quale ha goduto della spinta dei prestiti per automobili statunitense e ha potuto trainare la produzione industriale italiana e di riflesso il livello occupazionale. Ma una volta che le bolle scoppiano, si portano dietro tutti quei settori che hanno trainato nel corso del tempo. È una questione di tempo e saremo di nuovo di fronte all'ennesimo ciclo boom/bust in cui sono state scaraventate risorse economiche in doline finanziarie che non hanno fatto altro che sprecarle. Inutile sottolineare che tali situazioni distruggono ricchezza reale, non la creano; peggio ancora, indeboliscono i creatori di ricchezza reale i quali sono bersagliati da una doppia sventagliata di proiettili: voracità fiscale statale e bolle.

È esattamente in questo modo che le due variabili di cui ho discusso finora, ovvero, ingegneria finanziaria fuori controllo e deterioramento delle condizioni dei creatori di ricchezza, diraderanno la nebbia avvolgente che costringe l'attuale ambiente economico a vivere in un presente costante.

Nonostante quanto detto, Draghi ha affermato che è pronto a scatenare una maggiore devastazione monetaria se quanto finora messo in campo non risultasse sufficiente. Vediamo, quindi. Finora il bilancio della BCE è tornato a quello che era all'epoca del secondo LTRO, e i risultati per l'economia più ampia sono stati pressoché deludenti.




L'allentamento monetario in Europa è servito fondamentalmente per creare una gigantesca offerta d'acquisto per il pattume obbligazionario degli stati che ormai i mercati stavano scaricando a tamburo battente. I bond statali sono diventati l'equivalente di scarafaggi dei motel: entrano nei loro bilanci e non escono più. Questo diminuisce artificialmente il rendimento dei titoli di stato italiani, cosa che fa credere ai mercati che le passività dello stato italiano sono solide. Quindi, nonostante un debito al 132% del PIL, i rendimenti obbligazionari sono ridicoli. Per caso il governo ha pensato di mettere i conti in ordine? Manco per sogno.

Col nuovo DEF possiamo delineare quale sarà la strada che il governo intende perseguire durante quest'anno. Appare evidente che quanto viene sbandierato ai quattro venti sui media mainstream dai due principali firmatari di questo documento, non è affatto ciò che viene scritto. A pagina 35, infatti, trovate una tabella in cui vi sono riassunti entrate e spese. Prendendo come riferimento l'aggiornamento del DEF 2015, notiamo come siano leggermente calate sia le spese sia le entrate. Spulciando tra le spese (pag. 35 per il DEF 2016 e pag. 32 per il DEF 2015), notiamo che sono stati fondamentalmente gli interessi passivi i protagonisti di questa discesa. Quindi niente spendig review in vista (anche perché nei prossimi 4 anni si prevede che la spesa aumenterà), ma tante grazie alla Grande Offerta d'Acquisto dello zio Mario.

Per quanto riguarda le entrate, invece, la lieve discesa della pressione fiscale è dovuta sostanzialmente all'indebitamento netto. Ciononostante il quadro tendenziale ci mostra una pressione fiscale ancora alta nei prossimi 4 anni. Ma il cuore della questione è l'indebitamento netto che lo scorso DEF prevedeva a 1.8 in rapporto al PIL. Chi poteva crederci che si fosse passati in 6 mesi da 2.6 a 1.8? Nessuno. Infatti quest'anno si avrà un deficit/PIL al 2.3, mentre si ripropone per l'anno prossimo un 1.4. Fantasie. E per l'anno prossimo ci sono anche le clausole di salvaguardia in agguato.
Infine, a mettere il turbo alle fantasie, ci pensa il quadro economico interno a pagina 21. Facendo il solito confronto con la nota d'aggiornamento del DEF 2015, si prevedeva per l'anno scorso investimenti in crescita dell'1.2% e un 2% netto per quest'anno. Invece nel nuovo DEF scopriamo che sono cresciuti solo dello 0.8% e invece si prevede che cresceranno del 2.2% l'anno prossimo. Stesso discorso per le scorte che secondo questi buffoni dovevano diminuire quest'anno in base alla nota d'aggiornamento DEF dell'anno scorso. Invece sono aumentate. Ciononostante prevedono nel nuovo DEF che per l'anno prossimo addirittura si azzereranno! Come? Per lo stesso motivo per cui ne prevedevano una diminuzione per quest'anno: ripresa della domanda interna, visto che il commercio globale è quasi morto stecchito. (Se notate la voce esportazioni crescerà solo dell'1.6% quest'anno rispetto al 4.3% dell'anno scorso, mentre ci si aspetta che ricrescano del 3.8% nel 2017!) Davvero?



Ma questa mossa della BCE sta uccidendo i famosi risparmiatori italiani. Con i conti di risparmio che rendono una miseria e lo stato che sequestra risorse economiche attraverso i suoi disavanzi, i risparmiatori vengono lasciati a corto di opzioni tra cui scegliere, costretti quindi ad intaccare i loro risparmi per far fronte ai costi della vita in costante ascesa. Se non fosse per i prezzi del petrolio che stanno dando una tregua ai consumatori europei, il peso dei prezzi relativi avrebbe schiacciato ciò che rimane dell'economia di Main Street. La colonia di vecchi in cui si sta trasformando l'Italia e la prospettiva di una pensione impossibile, dovrebbe spingere quante più persone possibili ad immagazzinare denaro per far fronte alle incertezze del futuro.

Invece queste vengono ignorate a causa dell'ambiente economico sull'orlo della NIRP. Quindi, sì, l'accomodamento monetario ha una data di scadenza e nel frattempo trasferirà quanta più ricchezza reale a coloro protetti dal cartello delle banche centrali affinché possano sopravvivere un giorno in più.



Inutile dire che l'Italia, ormai, è una causa persa. È solo una questione di tempo prima che la follia dello zio Mario e il carrozzone di politici nostrani che guidano la macchina burocratica, facciano esplodere il "belpaese".

No comments:

Post a Comment

Commenti