Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un tratto di penna

Copyrighted.com Registered & Protected 
F12N-QSI7-RQEN-0UZC

KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

lady

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATE US - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS...

DONATECI QUALCOSA - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI...


BTC:1Jiq8C1jHdcyCjJiTq1MDwJq8mVG5iBAus


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Monday, May 23, 2016

Facebook ficcanaso, legge i post mai pubblicati: traccia tutti gli stati, anche quelli autocensurati

Fonte:http://www.repubblica.it/tecnologia/2013/12/20/news/facebook_ficcanaso-74125484/

Una ricerca statunitense sui contenuti non postati dagli utenti approfondisce le ragioni di questa frequente revisione volontaria: un atteggiamento più diffuso fra gli uomini e in generale fra chi vanta cerchie di amici molto diverse fra loro. Ma a Menlo Park servono anche commenti e interventi abbozzati, cancellati e mai diffusi: Zuck & co li usano per capire dove intervenire e spingere così le persone a produrre sempre più contenuti




CHE Facebook amasse ficcare il naso negli affari nostri lo sapevamo bene. D'altronde, gli serviamo per guadagnare e la partita per la difesa della privacy è ancora lunga e complicata. Che però potesse addirittura tracciare i contenuti abbozzati, quelli che tutti quanti per un sentimento di autocensura decidiamo spesso di non pubblicare sulla piattaforma, è tuttavia un passo in avanti notevole. In sostanza il social network registra ogni digitazione dell'utente nei form del sito. Inclusi gli stati che buttiamo giù magari d'impulso, dopo aver appreso una notizia particolarmente importante o con l'intenzione d'indirizzarci a qualcuno di preciso, e che poi cancelliamo per quieto vivere cibernetico. O perché non abbiamo voglia di lanciarci nell'ennesima e infinita litigata online. A sottolineare l'importanza di questo nuovo intervento a gamba tesa nella riservatezza personale, in fondo ben nascosto nelle famigerate Condizioni d'uso e dunque non una novità assoluta, è una ricerca battezzata "Self-censorship on Facebook" e firmata dal ricercatore Adam Kramer, data scientist proprio per Menlo Park, e da Sauvik Das, dottorando alla Carnegie Mellon University di Pittsburgh. L'indagine ha messo sotto la lente quasi quattro milioni di utenti. Non una montagna, rispetto al miliardo e passa della piattaforma, ma senz'altro un ottimo panel di analisi.




http://www.repubblica.it/tecnologia/2013/12/20/news/facebook_ficcanaso-74125484/

No comments:

Post a Comment

Commenti