Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un tratto di penna

Copyrighted.com Registered & Protected 
F12N-QSI7-RQEN-0UZC

KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

lady

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATE US - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS...

DONATECI QUALCOSA - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI...


BTC:1Jiq8C1jHdcyCjJiTq1MDwJq8mVG5iBAus


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Wednesday, February 24, 2016

Un Paese destinato a... sfracellarsi

 Fonte:http://www.opinione.it/editoriali/2016/02/23/romiti_editoriale-23-02.aspx

di Claudio Romiti
23 febbraio 2016 EDITORIALI
 
Mentre chi governa riempie la scena con una surreale campagna contro la presunta austerità europea, vera arma di distrazione di massa, gli osservatori laici di questo disgraziato Paese cercano di portare alla luce il disastro finanziario che si cela dietro l’insopportabile propaganda renziana. Un disastro che, conti alla mano, forse spiega più di qualunque altra considerazione l’evidente irrigidimento di Bruxelles nei confronti di un Esecutivo che di questo passo, come si suol dire, sarà costretto a portare i libri in Tribunale.
A tal proposito - dati quasi del tutto snobbati dalla stampa nazionale - circola da qualche settimana un raccapricciante studio della Banca d’Italia, ripreso con dovizia di particolari in un comunicato di Unimpresa, secondo cui nei primi 10 mesi del 2015, in piena Era del cambiamento di verso renzista, sia la spesa dello Stato centrale e sia le relative imposte sono cresciute in modo catastrofico. In particolare la prima è lievitata dell’11,21 per cento, passando da 356 a 396 miliardi; mentre le entrate tributarie sono aumentate di quasi 12 miliardi in un lasso di tempo così breve e malgrado la raffica di balle rassicuranti espresse in ogni dove dal premier toscano. Tant’è che lo stesso presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi, ha così commentato: “I numeri non mentono mai e quelli che diffondiamo oggi ci dicono che il Governo ci prende in giro: sono chiacchiere quelle sulla cosiddetta spending review e sono chiacchiere pure quelle sulla sforbiciata al prelievo fiscale. Tante promesse, molti annunci e zero fatti concreti”.
Parole sacrosante espresse nei confronti di un personaggio il quale, dopo decenni di disastri sul piano dei conti pubblici, aveva suscitato moltissime aspettative anche sul fronte di un sempre più necessario risanamento di questi ultimi. E invece, come rileva amaramente Longobardi, ci troviamo al cospetto di una colossale presa per i fondelli messa in atto da un signorino soddisfatto che con le sciocchezze che propala riesce farci camminare i treni.
Sta di fatto che il Paese, nonostante 40 miliardi di spesa dello Stato in soli 10 mesi, a cui vanno poi sommati gli incrementi delle altre amministrazioni, ha chiuso il 2015 con uno striminzito più 0,6 per cento del Prodotto interno lordo. Ciò pone una pietra tombale sul keynesismo d’accatto degli illusionisti al potere. La strada lastricata di pasti gratis, di altre tasse e di buone intenzioni percorsa da Matteo Renzi ci sta conducendo verso l’inferno.


No comments:

Post a Comment

Commenti