KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

Selling help

Selling help

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATIONS - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS, BECAUSE HUMAN AND CIVIL RIGHTS AREN'T A GOVERNMENTS' OR A FALSE DEMOCRACIES' OPTIONAL...

DONAZIONI - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI, PERCHE' I DIRITTI UMANI E CIVILI NON SONO UN OPTIONAL DEI GOVERNI O DELLE FALSE DEMOCRAZIE...


BTC:1DHyhYuFQGY3jz8JFJ9Ue43UL7Qzatnzi9


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Thursday, July 30, 2015

Tor Stinks - or so the NSA and GCHQ thinks.

Tor Stinks - or so the NSA and GCHQ thinks.

A new release from the 

Snowden files by the 

Guardian

First, some background on Tor. 
Tor (originally called The Onion Router) is a free anonymous browser.


It describes itself as "an open network that helps you defend against traffic analysis, a form of network surveillance that threatens personal freedom and privacy, confidential business activities and relationships, and state security."

"Tor protects you by bouncing your communications around a distributed network of relays run by volunteers all around the world: it prevents somebody watching your Internet connection from learning what sites you visit, and it prevents the sites you visit from learning your physical location."



I don't understand how computers work. Like most of humanity it seems a lot like magic to me. If you want to know more about Tor you can find the information here. 
http://blog.kaspersky.com/what-is-tor/ 
https://www.torproject.org/about/overview.html.en

This post is not about how Tor works. It's about a recent release from the Snowden files by the Guardian that details efforts by the NSA (National Security Agency - one of the major US spy agencies); and GCHQ (the UK equivalent, the Government Communications Headquarters) to peel away the anonymity and privacy offered by Tor.

This is a link to the full "Tor Stinks" top secret NSA presentation to a joint NSA GCHQ counter-Tor workshop focusing on Tor analytics and exploitation, recently released by the Guardian from the Edward Snowden file. 
http://www.theguardian.com/world/interactive/2013/oct/04/tor-stinks-nsa-presentation-document

This is quite a technical presentation on how the NSA and GCHQ plan to effectively peel the Tor onion - and remove the anonymity of it's users.




I don't understand most of it, but here are a few points that are made:

  • "We will never be able to de-anonymize all Tor users all the time." (But by all accounts they are working on it.)
  • "With manual analysis we can de-anonymize a very small fraction of Tor users." (Organizations that have annual operating costs in the $billions aren't likely to rely on "manual" analysis very much).
  • There is a lot of talk about nodes and directing traffic to friendly nodes.
  • The GCHQ runs Tor nodes under Newton's Cradle (Sorry, it does not say what
    Newtons Cradle is)
  • GCHQ also set up Tor nodes on the Amazon AWS cloud
  • Cookies are seen as a tool to identify and attack Tor users.
  • There is a proposal to use Quantum to degrade/deny/disrupt Tor access (This may be reference to the Quantum supercomputer jointly operated by the NASA and Google [and presumably the various intelligence agencies]). There is an associated proposal to use Quantumcookies to force clients to divulge stored cookies.
  • It concludes that:
  • "Tor stinks ... but it could be worse".
  • A critical mass of targets use Tor. Scaring them away from Tor may be counterproductive.
  • The goal of the NSA and GCHQ is to increase their success rate in obtaining the true IPs for individual Tor users.

The Washington Post has released a copy of a 2006 document that shows that the undermining of TOR has been a priority objective for some time.

The following link is to a Washington Post leaked document - a 2006 research paper produced for the NSA's "Cryptanalysis and Exploitation Services" office. "It lays out the technical features of Tor and proposes a number of theoretical and practical attacks, some of which the NSA developed and used in subsequent years. Among other things, the paper describes an NSA-written adaptation of Tor, "indistinguishable from an original Tor client," which enables the NSA to gather intelligence inside the network. It also describes two kinds of "denial of service" attacks against Tor, code-named Coil and Flower, which are used to divert would-be anonymous communications into open channels."
http://apps.washingtonpost.com/g/page/world/nsa-research-report-on-the-tor-encryption-program/501/

The BBC Technology news reports that the NSA allegedly infected computers in an attempt to look at web traffic at both ends of the encrypted Tor communication path, rather than decrypt the path itself.The agency used links with US telecoms companies to sift vast amounts of internet data and identify traffic from computers connecting to Tor, the report said.
Once the users' machines were identified, the NSA allegedly used secret internet servers, codenamed FoxAcid, to infect the computers with malicious software. The BBC report says that the NSA used software called EgotisticalGiraffe to attack vulnerable older versions of the Firefox web browser.
Tor remains the browser that provides the greatest privacy of all of the existing browsers - but it must be remembered that it is 80% funded by the US government and 20% funded by the Swedish government and non-government agencies.

Other anonymous browsers have been closed down owing to the US government demanding encryption keys (including, as has recently been disclosed, Lavabit - which was the service Edward Snowden apparently used).

My interest in Tor is related to my general interest in invasion of privacy and the insecurity of personal and business information. I don't have training in computer science; and acknowledge that I don't know how computer systems work. Being one of the ignorant masses, it's a bit like magic.

The Tor Stinks presentation does suggest that the global spy agencies have not yet been able to disable to destroy or subvert Tor. But they are certainly working at peeling the onion open.



The vast majority of users of Tor (other than the military, police and probably government agencies from multiple countries) are likely ordinary folk who don't have anything to hide, and just want their right to privacy respected.


There is a dark criminal underbelly who apparently also use Tor. I don't mind villains 
(criminals or terrorists) being unmasked. But, I think that looking for criminals and terrorists does not warrant giving the NSA and GCHQ and the related US and UK governments power over not just the privacy of individuals - but control over the last bastion of secure communication for military, police and government agencies from other countries too. 

Are governments, along with businesses and ordinary people the world over destined to have any chance of privacy stolen from them by the US and UK? Why is the world allowing this? Why isn't the UN doing something positive about it?


The risks to loss of security of personal, business or government information are huge.
The volume (in the 100s of thousands) of people with access to personal, business or government data significantly increases the likelihood of substantial errors, abuse and fraud.

There is no convincing evidence that this spying has been effective in stopping terrorism or even criminal behavior. (What happened to all the rich tax dodgers - who were outed by whistle blowers, not spies? Nada, Nothing. Because the tax dodgers are protected by government, and some may actually work in government, or be cronies of the power elite in government, or front organizations for government agencies.)

Terrorism won't stop as long as countries (including major powers) selectively choose to invade other countries on pretext of countering terrorism - and overtly or covertly participate in civil wars to unseat or support incumbent governments because the preferred leader will create a better political climate for the economic interests of the invaders. 

Global spying is like militarism - it is principally for political and economic gain, not to protect ordinary people. Only an ostrich would think otherwise.




Tor doesn't stink.

Tor smells sweet to people who value privacy.





Thursday, July 23, 2015

GLI EVASORI FISCALI COME I KULAKI, IL GOVERNO ITALIANO COME L’URSS


 
 
 
 


di GUGLIELMO PIOMBINI

Negli ultimi vent’anni l’Italia si è progressivamente allontanata dai sistemi ad economia di mercato per abbracciare un modello che presenta numerose analogie con il regime sovietico nella fase stalinista di consolidamento del comunismo. La pressione fiscale effettiva sulle imprese, tenendo conto di ogni imposta e contributo, ha raggiunto un livello ufficiale vicino al 70 % degli utili, che in alcuni casi arriva fino all’85 %. Ci sono anche stati casi di imprenditori che, dovendo pagare il 110 % di imposte sugli utili prodotti, si sono indebitati con le banche. Questo livello di tassazione è in linea con quello applicato dal regime sovietico tra la fine degli Venti e i primi anni Trenta, quando Stalin decise di collettivizzare l’intera economia eliminando i ceti produttivi privati.

Le entrate fiscali italiane, aumentate da 450 miliardi a oltre 750 miliardi negli ultimi due decenni, hanno trasferito 300 miliardi aggiuntivi dalle tasche dei ceti produttivi privati al ceto burocratico. Si tratta di una confisca di ricchezza privata che rivaleggia per rapidità e imponenza con quella realizzata in quegli anni dalle autorità sovietiche. Anche le modalità operative e propagandistiche con cui le autorità comuniste perseguitavano e depredavano i produttori privati avevano inquietanti similitudini con gli attuali sistemi di “lotta all’evasione fiscale”. Un sintomo rivelatore della vicinanza ideologica tra i due sistemi è il fatto che in Italia i membri della casta politico-burocratica hanno adottato, in difesa dei propri interessi, lo stesso frasario utilizzato dalla nomenklatura staliniana per denigrare e criminalizzare i ceti produttivi: “ricchi”, “egoisti”, “evasori”, “speculatori”, “parassiti”.

Oggi come allora gli accertamenti fiscali vengono eseguiti con metodi terroristici e arbitrari, e accompagnati da una martellante propaganda di regime contro il nemico del popolo, “l’evasore fiscale”. Lo Stato italiano inoltre, attraverso gli studi di settore, i redditi presunti o gli obblighi contributivi svincolati dagli utili prodotti, usa anche la collaudata tecnica sovietica di rovinare i produttori privati esigendo dei tributi di entità assolutamente irraggiungibile. Ad un certo punto le autorità sovietiche ipotizzarono come metodo di lotta nei confronti dei “ricchi” kulaki l’abolizione del contante: un’idea che i governi italiani accarezzano da tempo, e che finora hanno realizzato solo parzialmente abbassandone il limite di utilizzo a 1000 euro, il livello più basso del mondo.

L’adozione su vasta scala di questi sistemi di lotta alla presunta evasione fiscale dei contadini provocò in Ucraina, negli anni 1932 e 1933, un spaventosa carestia con parecchi milioni di vittime. Oggi gli storici considerano questa tragedia come un vero e proprio genocidio pianificato a tavolino dalle autorità statali per eliminare un’intera classe di produttori privati. Anche qui sono evidenti le analogie con la situazione italiana, nella quale, a fronte di un crescente aumento dei privilegi per la casta politico-burocratica, comparabili a quelli che godeva la nomenklatura sovietica rispetto al resto della popolazione, si sta verificando un vero e proprio annientamento dei ceti produttivi privati perseguito con gli strumenti dell’accanimento fiscale e burocratico.

La distruzione del 25 % del settore produttivo privato ha provocato infatti il risultato desiderato dalla casta statale: la chiusura di centinaia di migliaia di aziende, il suicidio di migliaia di imprenditori, commercianti, artigiani o lavoratori privati che hanno perso il posto al ritmo di due o tre al giorno, il ritorno in grande stile dell’emigrazione degli italiani all’estero. Ai nostri politici non interessa nulla se le aziende chiudono o espatriano. Intendono infatti sostituire questi occupati con orde di nuovi assunti come insegnanti, forestali, dipendenti di municipalizzate e partecipate, impiegati di ministeri.
La persecuzione fiscale e burocratica contro le partite IVA mira a indebolire e alla lunga a distruggere la classe dei lavoratori autonomi, considerati pericolosi e inaffidabili perché si mantengono da soli, senza dipendere dalla politica o dalla spesa pubblica. Al contrario, i dipendenti pubblici sono spesso elettori docili e inquadrati, che votano in massa a sostegno del regime che li mantiene e li protegge. Si tratta di una strategia folle e perversa dal punto di vista economico, ma perfettamente razionale dal punto di vista politico, perché conduce al dominio assoluto del ceto politico-burocratico sulla società civile.

L’uso sistematico e martellante della propaganda, della menzogna e dell’occultamento della verità costituisce un’altra somiglianza tra il comportamento del governo sovietico di allora e dei governi italiani di oggi. Così come il regime sovietico cercava di nascondere al mondo la terribile situazione che si stava verificando in Ucraina, oggi i media italiani, quasi tutti sussidiati dallo Stato e quindi controllati dal regime, evitano sistematicamente di parlare di un fenomeno di enorme portata sociale come quello dei suicidi dei lavoratori autonomi perseguitati da Equitalia o dall’Agenzia delle Entrate.

Oggi tutti riconoscono che la propaganda staliniana contro i contadini ucraini, accusati dal regime staliniano di occultare i raccolti e fatti morire di fame a milioni in quanto “evasori”, era falsa, perché le immense quantità di grano o di denaro nascoste dai contadini ucraini non esistevano. Erano pura propaganda, pretesti per colpire delle categorie sociali considerate inaffidabili e poco controllabili. Allo stesso modo, anche oggi le iperboliche cifre sull’evasione sbandierate dalla casta politico-burocratica, e prontamente riprese dai media sussidiati, sono inventate di sana pianta, sono numeri privi di fondamento reale, dedotti da accertamenti gonfiati che, nella grande maggioranza dei casi, si rivelano infondati.

Del resto, con le decine di strumenti di controllo sempre più invasivi che sono stati creati nel corso degli ultimi anni, quasi più nulla ormai sfugge all’occhio del fisco. Attraverso gli studi di settore, il redditometro, lo spesometro, le segnalazioni al 117, Serpico (il supercervellone elettronico che incrocia decine di migliaia di informazioni al secondo), l’abolizione del segreto bancario, i 400mila controlli all’anno sulle piccole imprese, i blitz contro la mancata emissione di scontrini, il limite all’utilizzo dei contanti fino a 999 euro, l’utilizzo del pos per le transazioni commerciali sopra i 30 euro, il Grande Fratello fiscale conosce praticamente morte, vita e miracoli di ogni contribuente. Com’è possibile che possano sfuggirgli ogni anno centinaia di miliardi?

Nessuno dovrebbe prendere sul serio questi numeri sull’evasione fiscale, perché provengono da una delle parti direttamente interessate e non da un organo terzo e indipendente. I funzionari del fisco hanno un forte interesse a diffondere le cifre più alte possibili, perché più numerosi e scaltri sono gli evasori, maggiori sono le probabilità di ottenere dal governo un potenziamento di organici, mezzi, risorse e poteri. Il ceto politico, da parte sua, accondiscende volentieri, perché la favola del tesoro nascosto dai perfidi evasori gli offre un facile capro espiatorio da dare in pasto al popolino credulone e indottrinato. In questo modo la casta politica può mascherare dietro all’evasione le proprie immense responsabilità nella rovina finanziaria dello Stato, e perpetuare indisturbata il saccheggio e lo sperpero del denaro pubblico.

Negli anni Trenta l’evasione dei contadini rappresentava una piccola goccia nell’oceano di sprechi e privilegi che caratterizzava lo stato sovietico. Qualcuno pensa che l’odierna situazione italiana sia diversa? Eppure anche oggi, come nell’Ucraina di quel tempo, la lotta all’evasione viene condotta in maniera spietata, senza alcun riguardo per la rovina dell’economia nazionale, la distruzione delle aziende o la disperazione delle vittime. Non una parola di rammarico, di rispetto, o anche solo di pietà umana è uscita dalla bocca dei politici o dei funzionari statali per le migliaia di lavoratori privati che si sono suicidati a causa di una pressione fiscale sulle imprese e sul lavoro che non ha eguali nel mondo. Anzi, com’è tipico dei regimi totalitari, spesso alle vittime si è aggiunto l’insulto, la beffa e lo sberleffo: i commenti sarcastici sui suicidi degli imprenditori lasciati dai funzionari ministeriali sui social forum sono particolarmente significativi.

Per la scarsa resistenza opposta dai contadini, durante la grande carestia che colpì l’Ucraina il numero di vittime tra gli aguzzini armati fu quasi irrilevante. Anche oggi in Italia i privati produttori di reddito soffrono terribilmente (negli ultimi cinque anni hanno chiuso 400.000 partite iva e 75.500 imprese artigiane), mentre nessun consumatore di tasse statale ha perso il lavoro, è stato indotto a emigrare o si è suicidato per ragioni economiche. Come mai? Una “crisi economica” non dovrebbe colpire in maniera più o meno equilibrata tutte le fasce della popolazione?


Così come il genocidio dei contadini ucraini non fu una carestia naturale, ma una guerra studiata a tavolino dal governo sovietico con l’intento di liquidare un’intera classe sociale, allo stesso modo i ceti produttivi italiani non sono stati vittime di una “crisi” economica, come continuano a ripetere i giornali, ma di un deliberato attacco sferrato dal ceto parassitario che controlla l’apparato statale. È questa la ragione per cui, oggi come allora, le vittime si contano da una sola parte. Non è ancora chiaro chi sono i perseguitati e chi sono i persecutori?

Remember of Mino Pecorelli

Source:Anonymous

Carmine Pecorelli (September 14, 1928 – March 20, 1979) known as Mino, was an Italian journalist, shot dead in Rome a year after former prime minister Aldo Moro's 1978 kidnapping and subsequent killing. He was described as a "maverick journalist with excellent secret service contacts. According to Pecorelli, Aldo Moro's kidnapping had been organized by a "lucid superpower" and was inspired by the "logic of Yalta". Pecorelli's name was on Licio Gelli's list of Propaganda Due masonic members, discovered in 1980 by the Italian police. In 2002, former prime minister Giulio Andreotti was sentenced, along with Mafia boss Gaetano Badalamenti, to 24 years' imprisonment for Pecorelli's murder. The sentence was thrown out by the Italian Supreme Court in 2003. 


 

Life

Pecorelli was born in Sessano del Molise, a small municipality in the province of Isernia. During the German occupation of Italy in World War II he briefly enrolled in Junio Valerio Borghese's private fascist militia Decima Flottiglia MAS, forging contacts which would later come in handy during is career as journalist and blackmailer. After graduating in law, he began practicing as a bankruptcy lawyer. Later he became Minister Fiorentino Sullo's head of press service, thereby starting his career as a journalist. He founded a press agency, called Osservatorio Politico (OP), which quickly became a newsletter, specializing in political scandals and publishing many first-hand stories that Pecorelli was able to obtain through his numerous contacts in the government, including in secret services. Pecorelli publicly acknowledged that his best pieces were the ones which had NOT been published on OP, due to agreements with the parts involved, which preferred to pay him hefty sums of money to ensure his silence. Pecorelli was able to describe with ease complex situations, often protecting facts and characters behind pseudonyms. For example, he referred to General Carlo Alberto Dalla Chiesa as "general Amen," explaining that it was he who, during the weeks of Aldo Moro's detention in the hands of his kidnappers, had informed Interior Minister Francesco Cossiga of the location of the hideout where Moro was being detained. In 1978, Pecorelli wrote that Dalla Chiesa was in danger and would be assassinated. Dalla Chiesa was murdered four years later, in September 1982.
After Aldo Moro's 1978 assassination, Mino Pecorelli published some confidential documents, mainly Moro's letters to his family. In a cryptic article published in May 1978, Pecorelli drew a connection between Operation Gladio, NATO's stay-behind anti-communist organization (whose existence was publicly acknowledged by Prime Minister Giulio Andreotti in October 1990) and Moro's death. During his interrogations by terrorists, Aldo Moro had made reference to "NATO's anti-guerrilla activities.

Pecorelli's dead body in his car.

 

Death

Mino Pecorelli was killed in Rome's Prati district with four gun shots. The bullets used to kill him were Gevelot brand, a peculiarly rare type of bullets not easily found on gun markets, legal and clandestine alike. The same kind of bullets were later found in the Banda della Magliana 's weapon stock, concealed in the Health Ministry's basement.
Investigations targeted Massimo Carminati, member of the national organization Nuclei Armati Rivoluzionari (NAR) and of the Banda della Magliana; the head of Propaganda Due, Licio Gelli; Antonio Viezzer; and Cristiano and Valerio Fioravanti.
On April 6, 1993, Mafia turncoat Tommaso Buscetta told Palermo prosecutors that he had learnt from his boss Gaetano Badalamenti that Pecorelli's murder had been carried out in the interest of prime minister Giulio Andreotti. The Salvo cousins, two powerful Sicilian politicians with deep ties to local Mafia families, were also involved in the murder. Buscetta testified that Gaetano Badalamenti told him that the murder had been commissioned by the Salvo cousins, as a favor to Andreotti. Andreotti allegedly was afraid that Pecorelli was about to publish information that could have destroyed his political career. Among the information was the complete memorial of Aldo Moro, which would be published only in 1990 and which Pecorelli had shown to general Carlo Alberto Dalla Chiesa before his death. Dalla Chiesa was also assassinated by Mafia in September 1982.
In 1999, a Perugia court acquitted Andreotti, his right-hand man Claudio Vitalone (a former Foreign Trade Minister), Badalamenti and Giuseppe Calò, as well as the alleged killers Massimo Carminati, one of the founder of the NAR, and Michelangelo La Barbera from the charges brought against them.
On November 17, 2002, on appeal, Andreotti and Badalamenti were sentenced to 24 years of reclusion for Pecorelli's murder. The sentence, however, was thrown out by the Supreme Court of Cassation on October 30, 2003.

INTEGRATION

 

Operation Gladio

Operation Gladio (Italian: Operazione Gladio) is the codename for a clandestine NATO stay-behind terror-Organization in Europe. The role of the CIA was sponsoring Gladio to do false flag terrorist attacks in Italy and the FRG to instill fear and blame the attacks on patriots to discredit any idea of national renaissance. The freemasonic lodge of Propaganda Due, belonging to the Grande Oriente d'Italia was deeply implicated in this criminal conspiracy. 


P.S. -  Follow the Pecorelli List+P2 Lodge members list+Democratic Renaissance Plan, as obtained from anonymous sources. You can download these documents at the N. 26 of the LIBERTARIAN MEDIATEQUE - BOOKS SECTION

The Administrator 

Tuesday, July 21, 2015

ECCOVI SPIEGATO PERCHÉ GLI STATI FALLISCONO. E IL POPOLO FALLISCE

Logo
Fonte:http://www.miglioverde.eu/eccovi-spiegato-perche-gli-stati-falliscono/

banchieri-e-politica

di GERARDO COCO

«C’è un grande potenziale di rovina nei governi» scrive Adam Smith nella Ricchezza delle Nazioni (1776) e poi: «Una volta che i debiti nazionali siano stati accumulati fino ad un certo livello, credo che non ci sia forse un solo esempio in cui essi siano stati regolarmente e completamente pagati». Le cose non sono cambiate. Una volta i governi si indebitavano soprattutto per sostenere le spese per la difesa mentre oggi di indebitano per finanziare sprechi, sussidi e rivendicazioni di ogni tipo di un numero crescente di interessi particolari per mantenerne il consenso e continuare a governare. Quindi i debiti che i governi accumulano hanno gli stessi effetti distruttivi di quelli del tempo di guerra. A causa degli eccessi di spesa, gli stati, non hanno mai avanzi primari, sono costantemente in deficit e non potendo aumentare la pressione fiscale all’interno senza provocare esplosioni di collera, cercano di collocare il debito all’estero. La politica dei deficit è il nocciolo della politica economica moderna: indebitarsi e spendere per creare potere d’acquisto, sviluppo ed occupazione. Che la spesa improduttiva dei governi crei prosperità è ridicolo. Semmai è vero il contrario, è la prosperità a rendere possibile la spesa improduttiva. Ma per quanto tempo? Nell’economia non esiste un fondo permanente da cui attingere senza limiti, va continuamente rinnovato con la spesa produttiva che crea sviluppo solo se supera quella improduttiva.

Ora se è chiaro che il debito esterno non rappresenta altro che l’anticipo del gettito di tasse future, la teoria dello stimolo economico crolla con un esempio elementare. Tizio, che non ha soldi, chiede un prestito a Caio per fare la spesa da Sempronio. Tizio quindi si trova in deficit rispetto a Caio. Ora sarebbe assurdo che Tizio, dopo aver fatto la spesa da Sempronio pretendesse da quest’ultimo l’estinzione del debito verso Caio. Ma non è più assurdo se Tizio è il governo che si indebita con Caio, ossia col mercato del debito, obbligando poi Sempronio, ovvero l’economia, a rimborsargli il debito. Tizio, dunque, è sempre libero di spendere ed estinguere il debito verso Caio con le tasse pagate da Sempronio. Come è dunque è possibile che il deficit di Tizio aumenti il reddito di Sempronio? Ovviamente non può e quindi il deficit non stimola l’economia ma la deprime in quanto il totale del debito di Tizio che è la somma di tutti i suoi deficit passati, viene pagato sempre da Sempronio. Se non si capisce che questa è la conseguenza del deficit non si capirà mai perché tale politica sottragga le risorse di un paese fino al collasso.

Nonostante l’evidente fallimento, questa politica mantiene la sua popolarità sia perché l’opinione pubblica non ne comprende in pieno il meccanismo e le conseguenze, sia perché le élite al governo rendono seducente il deficit giustificandolo con spese per obiettivi sociali, che in realtà riguardano interessi particolari che non allignerebbero mai in un un’economia sana. Se le élite al governo invece di perseguire tale politica abbattessero le tasse, raggiungerebbero realmente lo scopo di migliorare l’economia ma perderebbero il potere di gestirla, di corrompere l’elettorato, sottometterlo, acquisire privilegi permanenti e continuare nell’opera di spoliazione dei contribuenti. Così la politica di deficit finisce per governare tutta l’azione politica rischiando di portare a un sistema totalitario.

Incapaci di porre freni alla spesa i governi sono costretti a fare altri debiti portandoli ad una altezza tale che saranno necessarie nuove dosi di debito solo per pagare gli interessi. Si giunge pertanto alla situazione di debito perpetuo e di insolvenza definitiva che comporta l’impossibilità di ottenere ulteriore credito. Nell’economia privata questa impossibilità si chiama fallimento ma nel caso dei governi si chiama default. Uno stato, in effetti, non fallisce mai in senso formale come un privato perché non c’è un tribunale che nomini un giudice che, dopo aver cancellato i suoi debiti amministri il patrimonio del paese per soddisfare i creditori secondo diritti di prelazione. Pertanto la procedura fallimentare degli stati si risolve sempre in un piano di salvataggio che consiste, alla fine, nella ristrutturazione del loro debito cioè in una riduzione consistente del suo valore nominale. L’altro modo di ridurre il debito si attua, se il debitore ha la sovranità monetaria, pagandolo con moneta svalutata. Si tratta sempre di default ma nella forma di deprezzamento valutario che però è il più pericoloso perché può annientare il mezzo di scambio dell’economia.


I creditori sono corresponsabili dei default dei debitori. Ad esempio, Argentina e Grecia costituiscono casi paradigmatici di governi predatori con una tradizione secolare di default diventata prassi istituzionalizzata finanziata dall’esterno. Questi due paesi, infatti, hanno ottenuto credito non per l’intrinseca affidabilità delle loro obbligazioni ma perché, nel caso argentino, era il Fondo Monetario internazionale a dare le garanzie, mentre in quello greco, era la banca centrale europea. I creditori non potevano ignorare che gran parte del credito erogato a questi paesi non avrebbe finanziato il sistema produttivo, vero garante della restituzione del debito, ma i centri di potere politico e finanziario. Il fatto è che, essendo la politica di debito anche il pilastro delle economie dei paesi creditori, che sono allo stesso tempo debitori, la negoziabilità del debito globale postula un potere bancario e finanziario illimitato e interconnesso a tal punto da essere costretto ad avallare, con la tacita complicità di tutti, le operazioni più inaffidabili. Questo è il motivo per cui anche la crisi di un piccolo paese come la Grecia desta preoccupazione: un “contagio” porterebbe al crollo di tutto un sistema che non ha più nessuna base di ricchezza concreta. In ogni caso sono le popolazioni a fallire perché subito dopo un default, il credito non circola più, il sistema industriale si ferma, l’apparato amministrativo e finanziario si blocca, lo stato non può pagare stipendi e pensioni e tutto precipita nel caos. Ai creditori quindi non rimane altra scelta che “salvare” il debitore accollandosi perdite, erogando nuovi prestiti ma rinnovandone il deficit. Così il sistema creditizio, mentre innesca un nuovo ciclo dissipatore, diventa sempre più tossico con conseguenze incalcolabili.

Conclusione. Adam Smith aveva ragione: c’è un grande potenziale di rovina nei governi. La causa della rovina è il debito, sempre crescente e impossibile da liquidare. La dottrina del deficit spending come cura è assurda: non si cresce spendendo e tassando. Più i governi spendono, più l’economia diventa instabile e gravita verso la depressione con costi sociali enormi. Ma è grazie ai deficit che le élite al governo rafforzano la posizione di potere, aumentano i propri privilegi, finanziano la corruzione e alimentano un sistema che, nel caso argentino, si chiama peronismo, nel caso greco cleptocrazia (dal greco: governo del furto). Entrambi rappresentano il culmine della corruzione politica. In tutti gli altri paesi, invece, alimentano un sistema che si chiama oligarchia che dalle prime due forme differisce solo di grado. Porta sempre alla rovina, ma in tempi più lunghi.

ECCO IL 34° SEGNALE DELLA RIPRESA: AVRETE PENSIONI DA FAME!

Logo
Fonte:http://www.miglioverde.eu/ecco-il-34-segnale-della-ripresa-avrete-pensioni-da-fame/

 
fornero1

Da almeno 20 anni, in Italia le riforme pensionistiche sono un insulto all’intelligenza. L’ultima, quella della Fornero è solo la ciliegina sulla torta. Da anni c’è chi sostiene che quello pensionistico non è altro che uno Schema Ponzi organizzato dallo Stato, che terminerà con una truffa colossale per l’attuale e le prossime generazioni. “Con mille euro netti e meno di 40 anni di contributi un trentenne di oggi ne avrà 400 di pensione. E lo Stato non integrerà nulla, come invece accade oggi per gli assegni molto poveri”. Non ce lo siamo inventati noi, ma lo scrive il “Corriere della Sera”.

Vi riportiamo di seguito l’intero articolo, scritto da Roberto E. Bagnoli:

“Una pensione da 502 euro al mese non è certo invidiabile. Eppure per molti lavoratori, l’attuale minimo sindacale della previdenza rischia di essere solo un miraggio. Anche se il vitalizio sarà molto basso in futuro non si aprirà più alcun paracadute, la famosa integrazione al minimo da parte dello Stato è già andata (è il caso di dirlo) in pensione. Così, ad esempio, un dipendente trentenne che oggi ha un reddito netto mensile di mille euro e che accumulerà forti buchi contributivi, prenderà appena 408 euro netti il mese, cioè quasi cento in meno della soglia minima attualmente in vigore. Un autonomo nella stessa situazione arriverà ad appena 341 euro netti il mese.


Esempi
Secondo i dati resi noti nei giorni scorsi dall’Inps, sono circa 51 mila i vitalizi liquidati sinora con il sistema contributivo introdotto dalla riforma Dini del 1995; praticamente sono tutti d’invalidità o reversibilità, perché per quelli di vecchiaia bisognerà aspettare ancora qualche anno. Ma è bene fin da subito cominciare a fare i conti, drammatici, con il nuovo metodo di calcolo.
Le simulazioni realizzate per CorrierEconomia dalla società di consulenza Progetica presentano le prospettive che attendono i lavoratori con redditi limitati e una forte discontinuità nel versamento dei contributi. È un fenomeno destinato a crescere, anche a causa della maggior flessibilità nel mercato del lavoro che sarà prodotta dal Job Act, varato dal governo. «Si tratta tipicamente di chi riesce a mettere insieme tra i venti e i trentacinque anni di contribuzione, invece degli oltre quaranta richiesti, e ha un reddito di mille euro netti il mese – spiega Andrea Carbone, partner di Progetica -. Per questi lavoratori la pensione raramente supererà i cinquecento euro il mese: a differenza dei cinquantenni delle simulazioni, che hanno iniziato prima della legge Dini del 1995, non avranno alcun paracadute. Il sistema contributivo, infatti, non prevede l’integrazione al minimo, che negli esempi porta a un vitalizio di cinquecentodue euro netti al mese».


La busta
In attesa della busta arancione che offre una proiezione della futura pensione, le elaborazioni di Progetica danno un’idea delle prospettive che si aprono per alcuni profili di lavoratori. Così, per esempio, un trentenne che ha appena cominciato a lavorare con un reddito netto di mille euro al mese, a 65 anni e nove mesi avrà un vitalizio di 514 euro (cioè il 51%) se la sua retribuzione rimane stabile nel corso del tempo e il nostro paese non esce dalla recessione in cui si dibatte da molti anni. L’assegno salirà 600 euro (pari al 60%) se staccherà a 69 anni e un mese e l’economia riprenderà a tirare. Se invece fa carriera (retribuzione finale di duemila euro netti il mese), la copertura della pensione si ridurrà drasticamente: si arriva a un vitalizio di 743 euro netti al mese (il 37% dell’ultimo reddito) se l’economia italiana non cresce, e a 858 (il 43%) se invece riprende a tirare. Per un quarantenne e un cinquantenne cambiano i numeri, ma non il quadro complessivo: anche se si staccherà più tardi, la coperta della pensione sarà sempre più corta.
Per avere una proiezione personalizzata si può utilizzare il Calcolatore della pensione, realizzato dalla stessa Progetica e disponibile su www.corriere.it. «Nel contributivo, che ormai riguarda almeno in parte tutti i lavoratori, non si può parlare di calcolo della pensione – spiega Andrea Carbone -. Ma solo di una stima che dev’essere aggiornata nel tempo; sia il quando sia il quanto sono soggetti infatti a numerose variabili. Il primo parametro è elativo all’età di pensionamento: nel 2016 e nel 2019, su base triennale, e poi ogni due anni a partire dal 2021, i requisiti di età e quello contributivo per la pensione anticipata verranno adeguati all’incremento della speranza di vita». Nelle simulazioni sono stati utilizzati due scenari dell’Istat: il primo più conservativo e il secondo (basato sui dati storici degli ultimi trent’anni), che prevede invece un maggiore allungamento della vita media e, quindi, in parallelo, dell’età pensionabile. Nel sistema contributivo, inoltre, anche l’importo dell’assegno può variare in misura considerevole. «Le due variabili che incidono sono l’andamento del Pil e della carriera – spiega Carbone -. Nelle tabelle le colonne mostrano che cosa succede in un’Italia in semi-recessione, con crescita zero, o in una in ripresa, in cui l’economia cresce invece dell’1% l’anno; un’ipotesi ben poco probabile adesso». Le righe mostrano invece come cambia la pensione in funzione della carriera. «Fare carriera è un bene – sottolinea Carbone – ma con il calcolo contributivo la pensione non riesce a riflettere a sufficienza gli incrementi di salario. Negli esempi riportati, per un lavoratore dipendente raddoppiare lo stipendio può significare passare a un rapporto fra pensione e retribuzione inferiore al 40%»”.

Non preoccupatevi, presto Renzi lancerà l’hastag #italianistatesereni…

DAL 20 FEBBRAIO L’ITALIA SARÀ UFFICIALMENTE UN INFERNO FISCALE

Logo
Fonte:http://www.miglioverde.eu/dal-20-febbraio-litalia-sara-ufficialmente-un-inferno-fiscale/

FISCO_CRIMINALE_TASSEdi REDAZIONE

Dal 28 febbraio prossimo, l’Italia sarà ufficialmente un Inferno Fiscale a tutto tondo. Il fisco avrà presto a disposizione tutti i dati finanziari dei contribuenti. Già fissate le date entro cui banche e intermediari finanziari dovranno fornire i numeri all’Archivio dei Rapporti, la grande banca dati utilizzata per gli incroci fiscali. Il 28 febbraio la prima scadenza su movimentazioni di conti correnti, depositi, fondi pensione, derivati, cartedi credito, acquisti di rilievo, cassette di sicurezza.

“Tempi duri per gli evasori”, scrivono soddisfatti i giornali italiani. C’è un provvedimento firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Rossella Orlandi (foto). Entro il 28 febbraio dovranno essere comunicati i dati 2013, entro il 29 maggio quelli del 2014. Poi, a partire dal 2016, dovranno arrivare le informazioni relative all’anno precedente, da consegnare entro il 15 febbraio. In sintesi:

Nasce la superbanca dati – Va così a regime la “super banca dati”, che sarà alimentata dalle informazioni dei rapporti finanziari dei contribuenti italiani. Banche, Poste, Assicurazioni, Sim e tutti gli intermediari finanziari saranno chiamati ad alimentarla con dati aggiornati. Nulla sfugge all’archivio, che però è blindato secondo regole di sicurezza e privacy: conti correnti, depositi, ma anche contratti derivati, fondi pensioni, ricariche telefoniche, carte di credito e acquisti di oro e preziosi.

Come funziona il meccanismo – In particolare gli intermediari devono inviare il codice identificativo del rapporto, il saldo di inizio e fine anno, l’importo totale dei movimenti attivi e passivi dell’anno. E il fisco utilizzerà questi dati per creare “liste selettive” di contribuenti sui quali accendere un faro, ma anche per effettuare con maggiore velocità i controlli fiscali risalendo alle “posizioni” finanziarie per i singoli contribuenti.

Al momento, le comunicazioni, mensili e annuali, viaggiano su un doppio binario: mensilmente tramite Entratel e Fisconline, annualmente tramite Sid (il nuovo Sistema di interscambio dati). Dal 2016 tutto viaggerà tramite Sid. Il provvedimento appena preso specifica inoltre che, con il nuovo sistema, le segnalazioni mensili conterranno anche il codice univoco del rapporto oltre alle informazioni del tipo e natura e dei soggetti collegati.

Calendario di scadenze e invio dati – E’ stato poi elaborato il calendario degli invii, confermando i termini per le informazioni mensili, ma prevedendo che, per i dati annuali, gli operatori hanno tempo fino al 28 febbraio per l’invio di quelli relativi al 2013 e fino al 29 maggio 2015 per quelli relativi al 2014. A regime, la comunicazione andrà effettuata, tramite il Sid e un unico tracciato, entro il 15 febbraio dell’anno successivo a quello cui si riferiscono le informazioni.
Sono inoltre state stabilite le regole da osservare in caso di operazioni straordinarie, scissioni totali e cessioni del ramo finanziario o di azienda; cessazione attività senza confluenza in un altro operatore finanziario; procedure concorsuali o di liquidazione volontaria. Ad avere accesso alla mega banca dati saranno comunque solo pochissimi funzionari (i criminali veri avranno poche persone da corrompere dunque), una ventina: le eventuali anomalie non potranno dare il via ad accertamenti, ma potranno servire a corroborare eventuali sospetti. Non però a far scattare un’indagine.

Che pensavate, che la comparsa – un paio di giorni fa – su tutti i media della LISTA FALCIANI fosse avvenuta casualmente?

ECCO IL 38° SEGNALE DELLA RIPRESA: 1.100 NUOVI ASSUNTI ALL’AGENZIA DELLE ENTRATE


Logo

Fonte:http://www.miglioverde.eu/ecco-il-38-segnale-della-ripresa-1-100-nuovi-assunti-allagenzia-delle-entrate/


Agenzia-delle-entrate_h_partb di LUIGI CORTINOVIS

Tra i tanti segnali della ripresa (immaginaria) che sta solo nella testa di Renzi e dei suoi megafoni propagandistici, quello di oggi appare come il più inquietante.

Riprendo dalla stampa: “A partire dal 2015 e fino al 2017 saranno assunti 1.100 funzionari erariali, così suddivisi: 400 funzionari nel 2015, 350 unità nel 2016 e altri 350 nel 2017. A questi vanno aggiunti i circa 800 posti destinati ai vincitori dei precedenti concorsi, con assunzioni già autorizzate”.


Ma ecco la parte più raccapricciante: “Attesa dunque per il Maxi Concorso dell’Agenzia delle Entrate: saranno migliaia gli “007” del fisco che verranno assunti principalmente per rafforzare la lotta all’evasione e il recupero dei capitali detenuti illecitamente all’estero. Le migliaia di assunzioni presso l’Agenzia delle Entrate non sono sicuramente una notizia rassicurante per gli evasori del fisco, ma dal punto di vista occupazionale rappresentano un’importante opportunità di lavoro”.

Mancava solo che aggiungessero che sono pronte le liste di proscrizione per quei bastardi che hanno avuto l’ardire di arricchirsi

Saturday, July 18, 2015

Tutta la verità shock sull’eurogruppo e sulle trattative greche rivelata da Varoufakis dopo le dimissioni.DA LEGGERE

Fonte:http://jedasupport.altervista.org/blog/esteri/varoufakis-intervista-newstatement/

Intervista Varoufakis

Varoufakis,dopo le sue dimissioni,concede un’intervista interessante ad Harry Lambert del New Statesman (testata giornalistica britannica).Ecco le verità shock sull’eurogruppo e sulle trattative greche che nessuno vi dice.

Teniamo a precisare che diverse testate di regime hanno ripreso questa intervista, riportandola con superficialità e omettendo gran parte di essa.


Noi vi proponiamo le parti più interessanti assolutamente da leggere tradotte in italiano. Potrete trovare inoltre l’intervista completa QUI SOTTO .

Ecco l’estratto più significativo:

Harry Lambert (HL): Quindi , come si sente ora ?

Yanis Varoufakis (YV): Mi sento in cima al mondo, non devo più vivere secondo un programma febbrile, assolutamente disumano semplicemente incredibile. Ho dormito solo per 2 ore a notte per 5 mesi. Sono anche sollevato dalfatto di dover più sostenere una pressione incredibile per negoziare da una posizione che era difficile da difendere, anche quando riuscivo ad avere il consenso dell’altra parte, non so se mi spiego

HL: Come è stato? Avete gradito ogni momento della situazione ?

YV: Oh si l’ho apprezzato. Si possono ottenere delle informazioni dall’interno.. ed avere tutte le tue peggiori paure confermate. Puoi avere “I poteri” che ti parlano direttamente, e, come temevi, la situazione è peggio di quanto immaginassi. Quindi è stato divertente sedere sui sedili anteriori.

HL: A cosa vi riferite ?

YV: Alla completa assenza di scrupoli democratici, da parte dei supposti difensori della democrazia europea. D’altro canto anche la chiara comprensione dall’altra parte che siamo nella stessa barca, anche se non verrà mai ammessa. E quindi avere alcuni importanti personaggi che ti guardano negli occhi e ti dicono: ” Stai dicendo il giusto, ma noi comunque ti schiacceremo”.

HL: Avete detto che i creditori vi contestavano perchè “Ho provato a parlare di economia all’Eurogruppo, cosa che non fa nessuno”. Cosa è successo quando lo avete fatto ?

YV: Non è che non sia andata bene, è che proprio vi è stato un netto rifiuto di entrare negli argomenti economici. Di netto. Poni in luce un argomento su cui hai veramente studiato, per far si che sia logicamente coerente, e ti guardano con degli sguardi vuoti. E’ come se tu non abbia parlato, quello che rispondono è indipendente da quello che tu hai detto. Potresti anche aver cantato l’inno svedese,ed avresti la stessa risposta. E questo è incredibile per chi è abituato ad un dibattito accademico. La controparte non risponde mai. Non c’è mai stata una discussione. Non è stato neppure un problema, semplicemente era come se una parte non avesse mai risposto.

HL: Quando siete arrivato, all’inizio di febbraio, c’era già una posizione univoca ?

YV: Beh c’erano persone con cui vi era una simpatia personale, così dietro le quinte su base informale, soprattutto nel FMI (HL: ai livelli più alti? YV: Si, ai livelli più alti, a quelli più alti), ma poi nell’Eurogruppo solo qualche parola gentile e nulla più, tutti a ripararsi dietro la barriera della versione ufficiale. Schaeuble è stato coerente comunque. La sua visione era: “Io non sto discutendo un programma, questo è stato già accettato dal precedente governo e non possiamo permettere che un’elezione cambi tutto. Perchè abbiamo sempre elezioni, siamo in 19, e se cambiamo qualcosa tutte le volte che c’è un’elezione gli accordi fra noi non significano nulla.” A questo punto ho dovuto prendere la parola e dire:” Beh allora dovremmo semplicemente dire di non fare più elezioni nelle nazioni indebitate” e non c’è stata risposta. La sola interpretazione che posso dare è che , per loro, “Si, questa sarebbe una buona idea, ma difficile da realizzare. Quindi o firma sulla linea tratteggiata o sei fuori”.

HL: e la Merkel ?

YV: Dovete capire che io non ho mai avuto nulla a che fare con la Merkel: i ministri delle finanze parlano con i ministri delle finanze, i primi ministri con i cancellieri. Da quello che ho capito lei era molto diversa. Lei cercava di tranquillizzareil primo ministro (Tsipras) – diceva: “Troveremo una soluzione, non ti preoccupare, non lascerò che succeda nulla di terribile, fai semplicemente i tuoi compiti e lavora con le istituzioni, con la troika, . Non ci sarà nessuna chiusura”.

Questo non è stato quello che ho sentito dalla mia controparte, sia dal presidente dell’eurogruppo sia dal dr Schaeuble, Ad un certo punto mi han detto chiaramente : “O mangia questa minestra, o salta dalla finestra”.

HL: Fu così dall’inizio ?

YV Dall’inizio, proprio dall’inizio.

HL : come siamo arrivati all’estate ?

YV (riassumiamo una lunga risposta. Non avevamo alternative. il governo era stato eletto con il mandato a negoziare. Loro volevano un accordo globale, e quando cercavamo di discutere su di un tema, come l’IVA, loro passavano ad un altro argomento, e così via , senza fine. Noi proponevamo qualcosa e loro lo rifiutavano o passavano ad altro. Abbiamo cercato di interrompere questo processo. la mia visione era questa : siamo una nazione incagliata, ed incagliata da molto tempo, certo, abbiamo bisogno di riforme su questo siamo tutti d’accordo. Dato che il tempo era necessario e dato che durante le trattative la BCE stava schiacciando la nostro liquidità per esercitare pressione su di noi per farci soccombere, la mia proposta alla troika era molto semplice: mettiamoci d’accordo su tre o quattro riforme importanti come l’IVA , ed applichiamole subito. Voi inc ambio rilassate le restrizioni della BCE. Volete un accordo complessivo, andiamo avanti con le trattative, e nel frattempo lasciateci introdurre nuove riforme in parlamento con accordi fra noi e voi. La loro risposta è stata: “No no no, questo deve essere un accordo. Non faremo nulla se voi introdurrete alcuna legge. Sarà considerato un atto unilaterale ed ostile al processo di contrattazione.” Quindi qualche mese dopo trapelerà ai media che non abbiamo fatto riforme e che stavamo perdendo tempo! E così eravamo fregati, in ogni senso. quindi quando la liquidità è quasi completamente finita ed eravamo in default, o quasi default con lo FMI, loro hanno presentato le loro proposte , che erano quasi impossibili, non accettabili e dannose. Così hanno preso tempo e poi sono usciti con delle proposte che tu fai quando non vuoi un accordo).

HL: Avete provato a lavorare con i governi delle altre nazioni indebitate ?

YV: La risposta è no, e la ragione è molto semplice : subito dall’inizio queste nazioni hanno fatto chiaramente capire che sarebbero stati i nemici più forti del nostro governo, subito all’inizio. E la ragione era che il loro più grande incubo era il nostro successo: se avessimo ottenuto un accordo migliore per la Grecia li avrebbe cancellati politicamente: avrebbero dovuto rispondere ai loro elettori perchè non fossero stati in grado di contrattare come noi.

HL : Qual’è il grande problema con le funzioni generali dell’Eurogruppo?

YV Per esemplificare: C’è stato un momento in cui il presidente dell’Eurogruppo ha deciso di mettersi contro di noi e ci ha oggettivamente cacciato fuori, facendoci capire che la Grecia era in uscita dall’Eurozona. C’era una convenzione per cui i comunicati dovevano essere all’unanimità, e che il Presidente non potesse semplicemente riunire l’Eurozona ed escludere uno stato membro. E lui ha detto “Oh sono sicuro di poterlo fare”. allora ho chiesto un’opinione legale. . questo ha causato un po’ di baruffa. Per 5-10 minuti il meeting si è fermato, e funzionari e dirigenti parlavano l’uno con l’altro ed al telefono, e infine un funzionario, un esperto legale, si è rivolto a me dicendo “Beh l’eurogruppo non esiste per la legge, non c’è nessun trattato che riguarda questo gruppo”.Quindi abbiamo un gruppo che non esiste e che ha il maggior potere di determinare le vite degli europei. Non risponde a nessuno, dato che non esiste legalmente: non si tengono minute, ed è riservato. I cittadini non sapranno mai cosa vi si dice, Sono quasi decisioni di vita e di morte, ed i membri non rispondono a nessuno.

HL: E questo gruppo è controllato dagli atteggiamenti tedeschi?

YV: Si completamente e profondamente. Non dagli atteggiamenti: proprio dal ministro delle finanze Tedesco. Ed è come una orchestra ben affiatata di cui lui è il direttore. Tutto avviene in modo accordato. Se ci sono casi in cui non si lavora in accordo, allora lui interviene e rimette tutti in linea.

…..

…..

HL: Avrete pensato ad un Grexit ad un certo punto ….

YV: Certo, assolutamente.

HL .. sono stati fatti dei preparativi?

YV: La risposta è si e no. Avevamo un piccolo gruppo, un “Gabinetto di guerra” nel ministero , di circa cinque persone che stava preparandosi: così abbiamo lavorato sulla teoria, sulla carta, predisponendo tutto quello che si sarebbe dovuto fare (per Grexit) , ma è stata una cosa fatta a livello di 4-5 persone. Una cosa diversa è preparare una nazione per quel fatto. Preparare una nazione (all’uscita) è una decisione esecutiva che deve essere presa, e non è mai stata presa.

HL: ma nelle scorse settimane, c’è stato un momento in cui sentivate che vi ci avvicinavate?

YV: La mia idea era che dovevamo essere ben attenti a non iniziarla. Non volevo che fosse una profezia autorealizzata. Non volevo che fosse come la famosa frase di Nietzche, per cui se tu guardi nell’abisso abbastanza a lungo, l’abisso comincerà a guardare in te. Ma credevo anche che se l’Eurogruppo avesse chiuso le nostre banche, avremmo dovuto dare esecuzione a questo processo.

HL: Bene, quindi c’erano due opzioni, per quel che vedo: una Grexit immediata, o la stampa di IOU e la ripresa il controllo sulla banca di Grecia , quindi potenzialmente o necessariamente precipitando verso grexit.

YV: Certo certo, Non ho mai creduto dovessimo andare diretti verso una nuova valuta. Nella mia idea c’era il fatto che , e l’ho detto al governo, questa era la risposta se avessero osato chiudere le nostre banche, cosa che ritenevo di incredibile potenza aggressiva. ma non di non ritorno. Noi avremmo dovuto emettere i nostri IOU, o per lo meno che avremmo emesso la nostra liquidità denominata in eur.; avremmo dovuto fare un haircut sui titoli del 2012 detenuti dalla BCE o annunciare che lo avremmo fatto; avremmo dovuto riprendere il controllo della banca di Grecia. Questa era il trittico, le tre cose con cui avrei risposto alla chiusura delle nostre banche da parte della BCE.

Io ho avvertito il governo di quello che stava per accadere (che la BCE avrebbe chiuso le nostre banche) per un mese, per portarci ad un accordo umiliate. Quando questo è successo, e molti miei colleghi non pensavano sarebbe successo, la mia raccomandazione, di rispondere “Energicamente”, è stata respinta ai voti.

…….

……..

HL: sarebbe scioccato se Tsipras si dimettesse ?

YV Nulla mi può scioccare in questi giorni, la nostra Eurozona è un posto molto inospitale per la gente decente. Non mi scioccherebbe neanche se restasse ed accettasse anche un pessimo accordo. Perchè posso capire che si senta obbligato verso le persone che lo hanno supportato, che ci hanno supportato, per non far si che il nostro diventi uno stato fallito. Ma io non tradirò il mio punto di vista, che supporto dal 2010, che questo nazione deve smetterla di fingere e dilazionare, che dobbiamo smettere di chiedere nuovi prestiti fingendo che abbiamo risolto i problemi, quando non lo abbiamo fatto, quando abbiamo reso i nostri debiti meno sostenibili a causa di una ulteriore austerità che distrugge la nostra economia e sposta il peso sui poveri, creando una crisi umanitaria. E’ qualcosa che non accetterò e di cui non sarà parte.
 
INTERVISTA INTEGRALE A YANIS VAROUFAKIS
 

Yanis Varoufakis looks despairingly at his computer screen during crisis talks. Photo: Getty
Yanis Varoufakis feels "on top of the world" now his part in the crisis talks is over. Photo: Getty
Read the report from Greece of our interview with Varoufakis here.
This conversation took place before the deal.
Harry Lambert: So how are you feeling?
Yanis Varoufakis: I’m feeling on top of the world – I no longer have to live through this hectic timetable, which was absolutely inhuman, just unbelievable. I was on 2 hours sleep every day for five months. … I’m also relieved I don’t have to sustain any longer this incredible pressure to negotiate for a position I find difficult to defend, even if I managed to force the other side to acquiesce, if you know what I mean.

HL: What was it like? Did you like any aspect of it?
YV: Oh well a lot of it. But the inside information one gets… to have your worst fears confirmed … To have “the powers that be” speak to you directly, and it be as you feared – the situation was worse than you imagined! So that was fun, to have the front row seat.

HL: What are you referring to?
YV: The complete lack of any democratic scruples, on behalf of the supposed defenders of Europe’s democracy. The quite clear understanding on the other side that we are on the same page analytically – of course it will never come out at present. [And yet] To have very powerful figures look at you in the eye and say “You’re right in what you’re saying, but we’re going to crunch you anyway.”

HL: You’ve said creditors objected to you because “I try and talk economics in the Eurogroup, which nobody does.” What happened when you did?
YV: It’s not that it didn’t go down well – it’s that there was point blank refusal to engage in economic arguments. Point blank. … You put forward an argument that you’ve really worked on – to make sure it’s logically coherent – and you’re just faced with blank stares. It is as if you haven’t spoken. What you say is independent of what they say. You might as well have sung the Swedish national anthem – you’d have got the same reply. And that’s startling, for somebody who’s used to academic debate. … The other side always engages. Well there was no engagement at all. It was not even annoyance, it was as if one had not spoken.

HL: When you first arrived, in early February, this can’t have been a unified position?
YV: Well there were people who were sympathetic at a personal level – so, you know, behind closed doors, on an informal basis, especially from the IMF. [HL: “From the highest levels?” YV: “From the highest levels, from the highest levels.”] But then inside the Eurogroup, a few kind words and that’s it, back behind the parapet of the official version.
[But] Schäuble was consistent throughout. His view was “I’m not discussing the programme – this was accepted by the previous government and we can’t possibly allow an election to change anything. Because we have elections all the time, there are 19 of us, if every time there was an election and something changed, the contracts between us wouldn’t mean anything.”
So at that point I had to get up and say “Well perhaps we should simply not hold elections anymore for indebted countries”, and there was no answer. The only interpretation I can give [of their view] is “Yes, that would be a good idea, but it would be difficult to do. So you either sign on the dotted line or you are out.”

HL: And Merkel?
YV: You have to understand I never had anything to do with Merkel, finance ministers talk to finance ministers, prime ministers talk to Chancellors. From my understanding, she was very different.  She tried to placate the Prime Minister [Tsipras] – she said “We’ll find a solution, don’t worry about it, I won’t let anything awful happen, just do your homework and work with the institutions, work with the Troika; there can be no dead end here.”
This is not what I heard from my counterpart – both from the head of the Eurogroup and Dr Schäuble, they were very clear. At some point it was put to me very unequivocally: “This is a horse and either you get on it or it is dead.”

HL: Right so when was that?
YV: From the beginning, from the very beginning. [They first met in early February.]

HL: So why hang around until the summer?
YV: Well one doesn’t have an alternative. Our government was elected with a mandate to negotiate. So our first mandate was to create the space and time to have a negotiation and reach another agreement. That was our mandate – our mandate was to negotiate, it was not to come to blows with our creditors. …
The negotiations took ages, because the other side was refusing to negotiate. They insisted on a “comprehensive agreement”, which meant they wanted to talk about everything. My interpretation is that when you want to talk about everything, you don’t want to talk about anything. But we went along with that.
And look there were absolutely no positions put forward on anything by them. So they would… let me give you an example. They would say we need all your data on the fiscal path on which Greek finds itself, we need all the data on state-owned enterprises. So we spent a lot of time trying to provide them with all the data and answering questionnaires and having countless meetings providing the data.
So that would be the first phase. The second phase was where they’d ask us what we intended to do on VAT. They would then reject our proposal but wouldn’t come up with a proposal of their own. And then, before we would get a chance to agree on VAT with them, they would shift to another issue, like privatisation. They would ask what we want to do about privatisation, we put something forward, they would reject it. Then they’d move onto another topic, like pensions, from there to product markets, from there to labour relations, from labour relations to all sorts of things right? So it was like a cat chasing its own tail.
We felt, the government felt, that we couldn’t discontinue the process. Look, my suggestion from the beginning was this: This is a country that has run aground, that ran aground a long time ago. … Surely we need to reform this country – we are in agreement on this. Because time is of the essence, and because during negotiations the central bank was squeezing liquidity [on Greek banks] in order pressurise us, in order to succumb, my constant proposal to the Troika was very simple: let us agree on three or four important reforms that we agree upon, like the tax system, like VAT, and let’s implement them immediately. And you relax the restrictions on liqiuidity from the ECB. You want a comprehensive agreement – let’s carry on negotiating – and in the meantime let us introduce these reforms in parliament by agreement between us and you.
And they said “No, no, no, this has to be a comprehensive review. Nothing will be implemented if you dare introduce any legislation. It will be considered unilateral action inimical to the process of reaching an agreement.” And then of course a few months later they would leak to the media that we had not reformed the country and that we were wasting time! And so… [chuckles] we were set up, in a sense, in an important sense.
So by the time the liquidity almost ran out completely, and we were in default, or quasi-default, to the IMF, they introduced their proposals, which were absolutely impossible… totally non-viable and toxic. So they delayed and then came up with the kind of proposal you present to another side when you don’t want an agreement.

HL: Did you try working together with the governments of other indebted countries?
YV: The answer is no, and the reason is very simple: from the very beginning those particular countries made it abundantly clear that they were the most energetic enemies of our government, from the very beginning. And the reason of course was their greatest nightmare was our success: were we to succeed in negotiating a better deal for Greece, that would of course obliterate them politically, they would have to answer to their own people why they didn’t negotiate like we were doing.

HL: And partnering with sympathetic parties, like Podemos?
YV: Not really. I mean we always had a good relationship with them, but there was nothing they could do – their voice could never penetrate the Eurogroup. And indeed the more they spoke out in our favour, which they did, the more inimical the Finance Minister representing that country became towards us.

HL: And George Osborne? What were your dealings like with him?
YV: Oh very good, very pleasant, excellent. But he is out of the loop, he is not part of the Eurogroup. When I spoke to him on a number of occasions you could see that was very sympathetic. And indeed if you look at the Telegraph, the greatest supporters of our cause have been the Tories! Because of their Eurosceptism, eh… it’s not just Euroscepticsm; it’s a Burkean view of the sovereignty of parliament – in our case it was very clear that our parliament was being treated like rubbish.

HL: What is the greatest problem with the general way the Eurogroup functions?
YV: [To exemplify…] There was a moment when the President of the Eurogroup decided to move against us and effectively shut us out, and made it known that Greece was essentially on its way out of the Eurozone. … There is a convention that communiqués must be unanimous, and the President can’t just convene a meeting of the Eurozone and exclude a member state. And he said, “Oh I’m sure I can do that.” So I asked for a legal opinion. It created a bit of a kerfuffle. For about 5-10 minutes the meeting stopped, clerks, officials were talking to one another, on their phone, and eventually some official, some legal expert addressed me, and said the following words, that “Well, the Eurogroup does not exist in law, there is no treaty which has convened this group.”
So what we have is a non-existent group that has the greatest power to determine the lives of Europeans. It’s not answerable to anyone, given it doesn’t exist in law; no minutes are kept; and it’s confidential. So no citizen ever knows what is said within. … These are decisions of almost life and death, and no member has to answer to anybody.

HL: And is that group controlled by German attitudes?
YV: Oh completely and utterly. Not attitudes – by the finance minister of Germany. It is all like a very well-tuned orchestra and he is the director. Everything happens in tune. There will be times when the orchestra is out of tune, but he convenes and puts it back in line.

HL: Is there no alternative power within the group, can the French counter that power?
YV: Only the French finance minister has made noises that were different from the German line, and those noises were very subtle. You could sense he had to use very judicious language, to be seen not to oppose. And in the final analysis, when Doc Schäuble responded and effectively determined the official line, the French FM in the end would always fold and accept.

HL: Let’s talk about your theoretical background, and your piece on Marx in 2013, when you said:
“A Greek or a Portuguese or an Italian exit from the Eurozone would soon lead to a fragmentation of European capitalism, yielding a seriously recessionary surplus region east of the Rhine and north of the Alps, while the rest of Europe is would be in the grip of vicious stagflation. Who do you think would benefit from this development? A progressive left, that will rise Phoenix-like from the ashes of Europe’s public institutions? Or the Golden Dawn Nazis, the assorted neofascists, the xenophobes and the spivs? I have absolutely no doubt as to which of the two will do best from a disintegration of the eurozone.”
…so would a Grexit inevitably help Golden Dawn, do you still think that?
YV: Well, look, I don’t believe in deterministic versions of history. Syriza now is a very dominant force. If we manage to get out of this mess united, and handle properly a Grexit … it would be possible to have an alternative. But I’m not sure we would manage it, because managing the collapse of a monetary union takes a great deal of expertise, and I’m not sure we have it here in Greece without the help of outsiders.

HL: You must have been thinking about a Grexit from day one...
YV: Yes, absolutely.

HL: ...have preparations been made?
YV: The answer is yes and no. We had a small group, a ‘war cabinet’ within the ministry, of about five people that were doing this: so we worked out in theory, on paper, everything that had to be done [to prepare for/in the event of a Grexit]. But it’s one thing to do that at the level of 4-5 people, it’s quite another to prepare the country for it. To prepare the country an executive decision had to be taken, and that decision was never taken.

HL: And in the past week, was that a decision you felt you were leaning towards [preparing for Grexit]?
YV: My view was, we should be very careful not to activate it. I didn’t want this to become a self-fulfilling prophecy. I didn’t want this to be like Nietzsche’s famous dictum that if you stare into the abyss long enough, the abyss will stare back at you. But I also believed that at the moment the Eurogroup shut out banks down, we should energise this process.

HL: Right. So there were two options as far as I can see – an immediate Grexit, or printing IOUs and taking bank control of the Bank of Greece [potentially but not necessarily precipitating a Grexit]?
YV: Sure, sure. I never believed we should go straight to a new currency. My view was – and I put this to the government – that if they dared shut our banks down, which I considered to be an aggressive move of incredible potency, we should respond aggressively but without crossing the point of no return.
We should issue our own IOUs, or even at least announce that we’re going to issue our own euro-denominated liquidity; we should haircut the Greek 2012 bonds that the ECB held, or announce we were going to do it; and we should take control of the Bank of Greece. This was the triptych, the three things, which I thought we should respond with if the ECB shut down our banks.
… I was warning the Cabinet this was going to happen [the ECB shut our banks] for a month, in order to drag us into a humiliating agreement. When it happened – and many of my colleagues couldn’t believe it happened – my recommendation for responding “energetically”, let’s say, was voted down.

HL: And how close was it to happening?
YV: Well let me say that out of six people we were in a minority of two. … Once it didn’t happen I got my orders to close down the banks consensually with the ECB and the Bank of Greece, which I was against, but I did because I’m a team player, I believe in collective responsibility.
And then the referendum happened, and the referendum gave us an amazing boost, one that would have justified this type of energetic response [his plan] against the ECB, but then that very night the government decided that the will of the people, this resounding ‘No’, should not be what energised the energetic approach [his plan].
Instead it should lead to major concessions to the other side: the meeting of the council of political leaders, with our Prime Minister accepting the premise that whatever happens, whatever the other side does, we will never respond in any way that challenges them. And essentially that means folding. … You cease to negotiate.

HL: So you can’t hold out much hope now, that this deal will be much better than last week’s – if anything it will be worse?                                     
YV: If anything it will be worse. I trust and hope that our government will insist on debt restructuring, but I can’t see how the German finance minister is ever going to sign up to this in the forthcoming Eurogroup meeting. If he does, it will be a miracle.

HL: Exactly – because, as you’ve explained, your leverage is gone at this point?
YV: I think so, I think so. Unless he [Schäuble] gets his marching orders from the Chancellor. That remains to be seen, whether she will step in to do that.

HL: To come back out again, could you possibly explain, in layman’s terms for our readers, your objections to Piketty’s "Capital"?
YV: Well let me say firstly, I feel embarrassed because Piketty has been extremely supportive of me and the government, and I have been horrible to him in my review of his book! I really appreciate his position over the last few months, and I’m going to say this to him when I meet him in September.
But my criticism of his book stands. His sentiment is correct. His abhorrence of inequality… [inaudible]. His analysis, however, undermines the argument, as far as I am concerned. Because in his book the neoclassical model of capitalism gives very little room for building the case he wants to build up, except by building upon the model a very specific set of parameters, which undermines his own case. In other words, if I was an opponent of his thesis that inequality is built into capitalism, I would be able to take apart his case by attacking his analysis.

HL: I don’t want to get too detailed, because this isn’t going to make the final cut...
YV: Yes…
HL: ...but it’s about his metric of wealth?
YV: Yes, he uses a definition of capital which makes capital impossible to understand – so it’s a contradiction of terms. [Click here—link to add: http://yanisvaroufakis.eu/2014/10/08/6006/—for Varoufakis’ critical review of Piketty’s Capital.]

HL: Let’s come back to the crisis. I really understand very little of your relationship with Tsipras…
YV: I’ve known him since late 2010, because I was a prominent critic of the government at the time, even though I was close to it once upon a time. I was close to the Papandreou family – I still am in a way – but I became prominent … back then it was big news that a former adviser was saying “We’re pretending bankruptcy didn’t happen, we’re trying to cover it up with new unsustainable loans,” that kind of thing.
I made some waves back then, and Tsipras was a very young leader trying to understand what was going on, what the crisis was about, and how he should position himself.

HL: Was there a first meeting you remember?
YV: Oh yes. It was late 2010, we went to a cafeteria, there were three of us, and my recollection is that he wasn’t clear back then what his views were, on the drachma versus the euro, on the causes of the crises, and I had very, well shall I say, “set views” on what was going on. And a dialogue begun which unfolded over the years and one that… I believe that I helped shape his view of what should be done.

HL: So how does it feel now, after four-and-a-half years, to no longer be working by his side?
YV: Well I don’t feel that way, I feel that we’re very close. Our parting was extremely amicable. We’ve never had a bad problem between us, never, not to this day. And I’m extremely close to Euclid Tsakalotos [the new finance minister].

HL: And presumably you’re still speaking with them both this week?
YV: I haven’t spoken to the Prime Minister this week, in the past couple of days, but I speak to Euclid, yes, and I consider Euclid to be very close to be, and vice-versa, and I don’t envy him at all. [Chuckling.]

HL: Would you be shocked if Tsipras resigned?
YV: Nothing shocks me these days – our Eurozone is a very inhospitable place for decent people. It wouldn’t shock me either to stay on and accepts a very bad deal. Because I can understand he feels he has an obligation to the people that support him, support us, not to let this country become a failed state.
But I’m not going to betray my own view, that I honed back in 2010, that this country must stop extending and pretending, we must stop taking on new loans pretending that we’ve solved the problem, when we haven’t; when we have made our debt even less sustainable on condition of further austerity that even further shrinks the economy; and shifts the burden further onto the have nots, creating a humanitarian crisis. It’s something I’m not going to accept. I’m not going to be party to.

HL: Final question – will you stay close with anyone who you had to negotiate with?
YV: Um, I’m not sure. I’m not going to mention any names now just in case I destroy their careers! [Laughing.]