KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

aff1

NETBET 1

lady

Selling help

Selling help

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATIONS - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS, BECAUSE HUMAN AND CIVIL RIGHTS AREN'T A GOVERNMENTS' OR A FALSE DEMOCRACIES' OPTIONAL...

DONAZIONI - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI, PERCHE' I DIRITTI UMANI E CIVILI NON SONO UN OPTIONAL DEI GOVERNI O DELLE FALSE DEMOCRAZIE...


BTC:1DHyhYuFQGY3jz8JFJ9Ue43UL7Qzatnzi9


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Saturday, July 18, 2015

Volos, la città greca che ha deciso di abbandonare l’Euro!

Fonte:http://lastella.altervista.org/volos-la-citta-greca-che-ha-deciso-di-abbandonare-leuro/

E in Grecia spunta la prima città senza euro: la storia di Volos

A-Volos-si-sperimenta-una-moneta-parallela

Nella città di Volos la Grexit è diventata realtà e non si utilizza più l’Euro ma una moneta parallela che sta dando ottimi frutti: ecco la storia di resistenza e felicità di Volos, come racconta Libero.

In Grecia c’è già chi prova a vivere senza euro, ma con una propria moneta. Da ben prima che il falco tedesco Wolfang Schaeuble ipotizzasse una Grexit temporanea, con ritorno alla Dracma, nella città di Volos si usava il Tem, una moneta parallela all’euro.
140 mila abitanti circa, a nord-est di Atene nella Tessaglia, Volos è la prima città della Grecia che prova a sfruttare il meccanismo di una moneta nata sul web, non ancora stampata, ma che aiuta a far girare l’economia interna.
All’inizio sono stati in 50 ad iscriversi sul sito dell’ingegnere informatico Christos Papaioannou, a ognuno è stato rilasciato un credito di 300 Pcs.
Oggi sono in 800 tra commercianti e cittadini che fanno scambi e vendono prodotti e servizi.
I promotori, scrive Il Giornale, chiariscono che non si tratta di una vera e propria moneta, ma giocando sulle parole la chiamano unità di scambio che un gruppo di persone usa tra loro. Lo scopo è permettere ai commercianti di svuotare i magazzini pieni di merce invenduta e ai cittadini rimasti senza euro contante di acquistare beni di prima necessità.
Il Tem gode del suo valore solo all’interno della rete degli iscritti. Tutto quello che è fuori deve essere ancora pagato con l’euro, dagli affitti al carburante passando per le bollette delle utenze domestiche.
Chi è riuscito a guadagnarci, ad esempio, è stato un gruppo di coltivatori che ha scelto di smaltire la propria produzione nel solo mercato interno cittadino: usando il Tem come valuta sono riusciti a vendere frutta e verdura a prezzi vantaggiosi.

No comments:

Post a Comment

Commenti