KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

aff1

NETBET 1

lady

Selling help

Selling help

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATIONS - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS, BECAUSE HUMAN AND CIVIL RIGHTS AREN'T A GOVERNMENTS' OR A FALSE DEMOCRACIES' OPTIONAL...

DONAZIONI - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI, PERCHE' I DIRITTI UMANI E CIVILI NON SONO UN OPTIONAL DEI GOVERNI O DELLE FALSE DEMOCRAZIE...


BTC:1DHyhYuFQGY3jz8JFJ9Ue43UL7Qzatnzi9


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Wednesday, July 15, 2015

Fisco, il bancomat nel mirino: devi dimostrare per cosa hai usato i soldi prelevati





Fonte:http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/11810805/Fisco--il-bancomat-nel-mirino.html






Il Fisco ti spia anche il bancomat. E se al Fisco "non piace" come lo usi, la multa può arrivare al 50% di quanto prelevato. E' quanto prevede un codicillo, il comma 7 Bis che sta per essere varato con una delega fiscale (a meno di improbabili ravvedimenti del governo). Come spiega Il Giornale, tutto nasce dalla Finanziaria varata dal governo Berlusconi nel 2005 (ma la vicenda è complessa). Per restare alla mera cronaca di questi giorni, eccoci ai fatti: a chiunque, dotato di partita Iva, subisca un accertamento fiscale verranno spiati tutti i movimenti bancomat fatti nel periodo di accertamento, circa cinque anni.

Il precedente - In verità il principio era già adottato in passato. L'orrida gabella funzionava così: se qualcuno preleva troppo, lo stesso Fisco presumeva che "l'eccesso di prelievo" alimentasse proprio traffici in nero, e dovesse dunque essere colpito da una tassazione al pari di un ricavo. Parola ai fatti e alle cifre: alcuni professionisti che avevano prelevato in un anno 50mila euro si erano visti abbuonati dall'accertatore 10mila euro, mentre gli altri 40mila erano stati tassati come se fossero un ricavo, e dunque un reddito. Una follia totale: se prelevavi più di quanto il Fisco ti "consente", quel surplus viene tassato come reddito. Una follia totale che fu giudicata incostituzionale dalla Corte nel 2014. Una follia totale che, come detto, ora sta per tornare.

La follia - Per aggirare la sentenza, nella delega fiscale non si parlerà più di presunzione legale sui prelievi, ma si tirano in ballo le sanzioni in caso di mancanza di giustificativo del beneficiario del prelievo stesso. Insomma, in caso di accertamenti bancari chi non indica il beneficiario dei prelievi si può prendere una sanzione dal 10 al 50 per cento dell'importo del prelievo. Cifre da pazzi. Leggi da pazzi. Secondo il Fisco dopo ogni prelievo dovremmo appuntarci come abbiamo speso quei contanti. Anzi, non bastano date e appunti: è necessaria una prova. Ed è qui che si svela la norma per quello che è, una legge-capestro: una legge diabolica ed impossibile da rispettare (gli scontrini non indicano il codice fiscale di chi li riceva, non sono parlanti, e dunque che "prova" si può usare?). 
 
 
COMMENTO DELL'AMMINISTRATORE
 
Non possono farlo, perchè è ugualmente incostituzionale:
Art. 15.
La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili. La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’AUTORITA' GIUDIZIARIA CON LE GARANZIE STABILITE DALLA LEGGE (non di un ente amministrativo come l'Agenzia delle Entrate)...

Art. 41.
L’iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.( Come intenderebbero loro, l'iniziativa economica privata non sarebbe più libera, sarebbe a condotta a danno della società perchè sarebbero impediti i liberi scambi, creando grave pregiudizio alla sicurezza economica, alla libertà e alla dignità del cittadino).

Art. 47.
La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito.
Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese. (In quel modo altro che tutela del risparmio... Sarebbe UN FURTO DEL RISPARMIO BELLO E BUONO).

CAPITO?

Ergo... La sua incostituzionalità è PALESE...
 
L'Amministratore 
 

No comments:

Post a Comment

Commenti