Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un tratto di penna

Copyrighted.com Registered & Protected 
F12N-QSI7-RQEN-0UZC

KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

lady

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATE US - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS...

DONATECI QUALCOSA - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI...


BTC:1Jiq8C1jHdcyCjJiTq1MDwJq8mVG5iBAus


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Wednesday, August 6, 2014

Le Partite Iva? Presunto colpevole

Fonte:http://www.opinione.it/politica/2014/08/05/bernaudo_politica-05-08.aspx

di Andrea Bernaudo (*)

 
Il processo tributario in Italia, il "solve et repete", l'inversione dell'onere della prova e gli studi di settore, l'economia reale schiacciata e l'aumento dei suicidi.
Ecco perchè la riforma del processo tributario non è rinviabile, funziona così: il Fisco Italiano si costruisce la prova infallibile in casa sua gli "studi di settore"; sulla base di questa opinabile e faziosa prova fa partire l'accertamento contro il contribuente a partita Iva. Quest'ultimo (se ha la forza) impugna la pretesa del fisco e si rivolge all'autorità giudiziaria competente. Prima ancora della prima udienza l'esattore dello stato "equitalia" iscrive a ruolo il 30 per cento della presunta evasione oppure l'intero debito (se dovuto all'Inps) e, senza nessuna pronuncia del giudice tributario, se il contribuente non paga, gli pignorano quello che ha, la macchina, il conto corrente, gli ipotecano la casa.
Dopo anni, anche dieci, magari al terzo grado di giudizio, il contribuente,dopo aver speso gran parte dei suoi risparmi per difendersi, vince - accade nella maggioranza dei casi - e afferma così la sua onestà. Il fisco aveva torto.
Nel frattempo e nel migliore dei casi la sua vita è stata vilipesa, la sua attività frenata, la sua mente occupata e il suo stato d'animo preoccupato.
In centinaia di casi (ogni anno), invece, molti contribuenti non ricorrono al giudice, non ne hanno la forza. La loro vita è stata distrutta e decidono di suicidarsi.
Al netto della demagogia e della retorica sulle partite Iva, qui occorre subito una riforma che ripristini lo stato di diritto. Che ristabilisca, come per un indagato per omicidio, l'elementare principio della presunzione d'innocenza del contribuente. Lavoreremo per questo.

(*) Responsabile nazionale Soccorso Azzurro Partite Iva

No comments:

Post a Comment

Commenti