Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un tratto di penna

Copyrighted.com Registered & Protected 
F12N-QSI7-RQEN-0UZC

KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

lady

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATE US - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS...

DONATECI QUALCOSA - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI...


BTC:1Jiq8C1jHdcyCjJiTq1MDwJq8mVG5iBAus


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Friday, July 18, 2014

Troppe tasse sulle aziende: così si va in malora

Fonte:http://www.dimissionietuttiacasa.it/troppe-tasse-sulle-aziende-cosi-si-in-malora/

8 luglio 2014

Non è una novità che i politici cerchino di suggestionare l’elettorato adottando provvedimenti demagogici o facendo promesse impossibili da mantenere.
Matteo Renzi è imbattibile in questa specialità: gli 80 euro che egli ha (provvisoriamente) elargito a coloro che percepiscono fino a 1.500 euro netti mensili ne sono la prova. Ma se non altro il premier in qualche modo quei soldi li ha elargiti, recuperandoli nei meandri del bilancio. I suoi epigoni, invece, nel tentativo patetico di imitarlo si coprono di ridicolo.
È di ieri la notizia che Angelino Alfano (ex delfino di Silvio Berlusconi), ministro dell’Interno nonché leader del minipartito Ncd, pretende che in autunno il governo abbassi le tasse onde dare un aiuto alle famiglie in difficoltà. Che ideona. Si dà il caso che le famiglie in difficoltà siano quelle alle prese con problemi di disoccupazione. Ora mi domando: ma se un tizio è disoccupato, percepisce forse lo stipendio? No, pertanto se ne infischia delle riduzioni fiscali sulla busta paga che non riceve. Costui ha bisogno di un salario per sbarcare il lunario, non di uno sconto sulle trattenute effettuate su una retribuzione che non vede neanche col binocolo.
L’insipienza di Alfano quando tratta di questioni economico-sociali è imbarazzante e dimostra l’inadeguatezza del Nuovo centrodestra ad assumere la guida dei cosiddetti moderati, ormai disorientati dallo spezzettamento (inutile e dannoso, provocato da carrierismo e personalismi disgustosi) del vecchio Pdl. Qualcuno sostiene che Berlusconi sia troppo vecchio per continuare a trainare un partito con vocazione maggioritaria: servirebbe – aggiunge – un capo giovane ed energico, magari addirittura carismatico. Ma se i candidati a subentrare al fondatore sono tipini come Angelino, buona notte. Meglio tenersi l’usato sicuro almeno finché lo lasciano circolare. E pensare che non ci vorrebbe molto a capire – mi rivolgo ancora ad Alfano – che l’unica via per uscire dalla palude non è distribuire soldi da destinarsi ai consumi, bensì agevolare l’attività delle imprese affinché queste siano più competitive, vendano i loro prodotti e abbiano la necessità d’incrementare la manodopera.
Solo le aziende sono in grado di offrire posti di lavoro, e lo Stato avrebbe l’obbligo (anche costituzionale) di creare le premesse della piena occupazione. Come? Semplificando le procedure burocratiche, abolendo l’Irap e l’Ires. In una parola, agevolando e non frenando chi intenda intraprendere. Qui avviene l’esatto contrario. Si combattono gli industriali, piccoli e grandi, nella convinzione che si arricchiscano alle spalle degli operai. E si trascura il fatto che azzerando la speranza di profitto si mandano sul lastrico milioni di persone.
Chiudere stabilimenti, capannoni, negozi eccetera comporta numerosi licenziamenti. Cosicché si viaggia veloci verso la catastrofe. O si comprende che la ripresa deve partire dalla volontà di fare dei padroni oppure, se essi saranno ancora frustrati, si trasferiranno altrove, nei luoghi in cui l’ambiente non è ostile all’impresa. E l’Italia andrà in malora. È sulla buona strada per andarci.

Sono noti i limiti della sinistra: la sua storia è caratterizzata dall’anticapitalismo intrecciato con il pauperismo cattolico. Renzi fa i conti con questa mentalità retrograda. La destra, se fosse più libera da pregiudizi, avrebbe l’opportunità di costruire ciò che gli avversari hanno sempre demolito: un’economia di mercato pulita ed efficiente. La sola che ci può salvare.

Vittorio Feltri per il Giornale.it che ringraziamo

No comments:

Post a Comment

Commenti