Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un tratto di penna

Copyrighted.com Registered & Protected 
F12N-QSI7-RQEN-0UZC

KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

lady

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATE US - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS...

DONATECI QUALCOSA - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI...


BTC:1Jiq8C1jHdcyCjJiTq1MDwJq8mVG5iBAus


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Friday, July 4, 2014

Triste avanspettacolo e Pil “inchiodato”

Fonte:http://www.opinione.it/editoriali/2014/07/03/romiti_editoriale-03-07.aspx?altTemplate=-Stampa

di Claudio Romiti

 
Nonostante i trionfalistici proclami del premier Matteo Renzi, molte autorevoli agenzie di valutazione economica hanno rivisto piuttosto al ribasso le ottimistiche stime del Governo sulla crescita. Da uno 0,8 per cento previsto dai compiacenti tecnici del Tesoro, si è scesi ad uno striminzito 0,3 per cento da parte di Goldman Sachs, Citigroup e Deutsche Bank, tanto per citarne alcune. La nostrana Confindustria, addirittura, riduce ulteriormente la “crescita” del 2014 ad un quasi impercettibile 0,2 per cento.
Sta di fatto che nubi sempre più fosche si addensano sull’Italia, con una disoccupazione che ha raggiunto in questi giorni il suo apice e un debito pubblico letteralmente esploso nei primi mesi dell’anno, con un incremento pari a quello dell’intero 2013. Per soprammercato, l’evidente stagnazione in atto è assai probabile che renda obbligatoria un’ennesima manovra “lacrime e sangue”, onde coprire le spese pazze di un Esecutivo che aveva promesso miracolose moltiplicazioni dei pani e dei pesci. Ciò, nel malaugurato caso avvenisse, non potrebbe che determinare un ulteriore avvitamento del sistema economico nel suo complesso. E con una nuova iniezione di tasse, nella vana rincorsa di una spesa pubblica resa ancor più incontrollabile dal nuovo verso renziano, ogni speranza di ripresa dovrà essere lasciata fuori dall’Inferno fiscale chiamato Italia.
D’altro canto anche per i “nuovi” occupanti la stanza dei bottoni, come dimostra l’ulteriore massacro tributario operato ai danni del mattone e del risparmio finanziario, c’è un solo modo per tenere in un precario equilibrio i conti pubblici: aumentare la pressione tributaria allargata. Il resto, ovvero la montagna di illusioni vendute a piene mani da questi sfasciacarrozze economici, è roba da triste avanspettacolo.

No comments:

Post a Comment

Commenti