Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un Tratto di Penna - di Antonio Attinà

Donna in un tratto di penna

Copyrighted.com Registered & Protected 
F12N-QSI7-RQEN-0UZC

KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

lady

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATE US - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS...

DONATECI QUALCOSA - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI...


BTC:1Jiq8C1jHdcyCjJiTq1MDwJq8mVG5iBAus


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Friday, July 4, 2014

Ancora quell’eterna visione keynesiana

Fonte:http://www.opinione.it/editoriali/2014/07/01/romiti_editoriale-01-07.aspx

di Claudio Romiti

 
Come ho già avuto modo di scrivere su queste pagine, i politici di professione sono tendenzialmente keynesiani soprattutto per convenienza. Infatti, l’idea di poter spendere i soldi degli altri, seppur in nome e per conto della crescita, è da sempre il miglior sistema per ottenere consenso a buon mercato. Per questo motivo costoro sono restii a prendere in considerazione qualunque misura che stimoli lo sviluppo economico dal lato dell’offerta – ad esempio un taglio sostanziale delle imposte – preferendo di gran lunga dedicare ogni attenzione al sostegno della domanda.
Quindi, come dimostra la vicenda dei tanto discussi 80 euro del Governo Renzi, ciò che conta è riempire il più possibile le tasche dei consumatori, a mo’ di volano per l’economia. Tutto questo parte dal presupposto (efficacemente smontato da Frédéric Bastiat nel famoso “Racconto della finestra rotta”, molto prima che nascesse John Maynard Keynes) secondo il quale la mano pubblica utilizzerebbe assai meglio della cosiddetta società spontanea le risorse sul piano degli investimenti produttivi. Risorse ovviamente a quest’ultima sottratte o sotto forma di tasse o di prestiti, ovvero tasse future.
Ebbene, a parere dei sacerdoti italici di codesta religione economica, solo attraverso una cospicua dose di investimenti pubblici sarebbe possibile tornare a crescere. Ed è esattamente questo il messaggio che il premier sta lanciando da tempo in Italia ed in Europa: spendere e spandere per rivedere finalmente la luce, dopo anni di vero e proprio buio economico. Ma come per l’appunto sottolineò Bastiat, l’apparente vantaggio di spendere quattrini sottratti alla suddetta società spontanea non potrà mai superare il danno che questa ne riceve in prospettiva, sebbene risultino a tutta prima invisibili le tante opportunità perse da quest’ultima. Sotto questo profilo, i keynesiani senza scrupoli alla Renzi hanno facilmente buon gioco nel presentare solo gli aspetti positivi della loro propensione ad allargare i cordoni della borsa. Nascondendo il nocumento occulto che produce qualunque travaso di risorse che vada dall’economia privata allo Stato, essi continuano a prometterci l’avvento di un nuovo boom economico.
Nel frattempo, la pressione tributaria allargata ha raggiunto livelli solo fino a pochi anni fa inimmaginabili. Livelli obiettivamente incompatibili non solo per qualunque rilancio dei consumi e degli investimenti, ma tali da mettere in discussione la tenuta di quello che una volta era un florido tessuto produttivo. Eppure nella religione dei keynesiani al Governo l’unica strada percorribile passa per un’ulteriore cura di tasse e di spesa pubblica. Gli italiani non tarderanno a constatarne l’efficacia.

No comments:

Post a Comment

Commenti