KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

aff1

NETBET 1

lady

Selling help

Selling help

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATIONS - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS, BECAUSE HUMAN AND CIVIL RIGHTS AREN'T A GOVERNMENTS' OR A FALSE DEMOCRACIES' OPTIONAL...

DONAZIONI - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI, PERCHE' I DIRITTI UMANI E CIVILI NON SONO UN OPTIONAL DEI GOVERNI O DELLE FALSE DEMOCRAZIE...


BTC:1DHyhYuFQGY3jz8JFJ9Ue43UL7Qzatnzi9


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Friday, April 25, 2014

MENTRE IN FRANCIA VINCE LE ELEZIONI MARINE LE PEN, IN SPAGNA SCOPPIA LA RIVOLTA POPOLARE

 
MADRID ASSEDIATA DAL POPOLO 
 
 MADRID – In Francia tionfa il Front National di Marine Le Pen, in Spagna scoppia la rivolta popolare contro il governo eurofanatico di Rajoy. A Madrid, centinaia di migliaia di persone in piazza, violenti scontri con la polizia, occupazione della piazza principale della capitale, montate di nuovo tende come al tempo degli “indignados”. Questa, la situazione raccontata in uno straordinario reportage da ZeroEdge. Leggiamo. “Sono qui per lottare per il futuro dei miei figli”, esclama un padre, mentre gli spagnoli si radunano a Madrid per protestare contro la povertà e l’austerità imposte dalla UE. Come riporta Reuters, la protesta, prevalentemente pacifica, successivamente è stata segnata da scontri violenti in cui la polizia ha sparato proiettili di gomma. La cosiddetta “Marcia per la Dignità” ha portato nella capitale centinaia di migliaia di manifestanti con striscioni che mettevano in chiaro i loro sentimenti sul record del 26% di disoccupazione. “Pane, lavoro e case per tutti”, “Corruzione e Rapina, marchio di fabbrica della Spagna”. Un manifestante ha riassunto il punto di vista della gente sul governo : “Sono stufo di questo sistema che chiamano democrazia… Io voglio che le cose cambino.”Alcuni manifestanti hanno iniziato a lanciare pietre e bottiglie contro i numerosi agenti della polizia antisommossa e hanno distrutto punti bancomat e cartelloni. La polizia ha sparato proiettili di gomma per disperderli, secondo le riprese video di Reuters. La rappresentante del governo centrale Cristina Cifuentes ha detto che negli scontri 19 manifestanti sono stati arrestati e 50 agenti di polizia sono stati feriti, uno dei quali in modo grave. 
 
 
 http://www.piovegovernoladro.info/wp-content/uploads/2014/03/ar_image_2719_l.jpg
 
 
 
Ancora una volta il problema è la corruzione del governo insieme con l’austerità – una combinazione che, come abbiamo detto numerose volte, tende a sfociare in disordini sociali. I sentimenti del popolo erano chiari, dal momento che, come dice l’OCSE, la crisi economica ha colpito i poveri della Spagna più che di qualsiasi altro paese della zona euro.Degli striscioni esortavano il governo conservatore a non pagare i suoi debiti internazionali e ad affrontare il tasso di disoccupazione spagnolo del 26 per cento, cronicamente elevato. “Pane, lavoro e alloggio per tutti”, si legge su uno striscione , “Corruzione e Rapina, marchio di fabbrica della Spagna”, ha detto un altro intervistato. “Sono qui per lottare per il futuro dei miei figli”, ha detto Michael Nadeau , un imprenditore di 44 anni. “Per coloro che sono al potere siamo solo numeri. Valutano i soldi più di quanto valutino le persone”, ha detto, gridando per essere ascoltato al di sopra del frastuono dei canti, dei fischi e dei tamburi. “Sono qui perché Sono stufo di questo sistema che chiamano democrazia”, ha detto Jose Luis Arteaga, un insegnante di 58 anni il cui salario è stato tagliato del 20 per cento. “Voglio che le cose cambino.” Sembra che i bassi rendimenti obbligazionari quasi da record e gli alti livelli del mercato azionario non riescano a placare il popolo Spagnolo… E chissà come mai…”

No comments:

Post a Comment

Commenti