KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

aff1

NETBET 1

lady

Selling help

Selling help

Contante Libero

ContanteLibero.it

Franklin banner

Franklin banner

DONATIONS

DONATIONS - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS, BECAUSE HUMAN AND CIVIL RIGHTS AREN'T A GOVERNMENTS' OR A FALSE DEMOCRACIES' OPTIONAL...

DONAZIONI - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI, PERCHE' I DIRITTI UMANI E CIVILI NON SONO UN OPTIONAL DEI GOVERNI O DELLE FALSE DEMOCRAZIE...


BTC:1DHyhYuFQGY3jz8JFJ9Ue43UL7Qzatnzi9


----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Wednesday, April 23, 2014

Casaleggio getta la maschera: lavora per la grande finanza


  Casaleggio getta la maschera: lavora per la grande finanza


Casaleggio getta la maschera: lavora per la grande finanza

Fonte:http://www.controinformazione.info/casaleggio-getta-la-maschera-lavora-per-la-grande-finanza/?fb_action_ids=10152310880045935&fb_action_types=og.likes

di Luciano Lago

Potevamo credere (anche se con qualche dubbio) fino a ieri l’altro che il movimento dei 5 Stelle di Grillo rappresentasse una svolta in Italia nella contestazione al sistema, nonostante le numerose ambiguità sui temi fondamentali dell’opposizione all’eurocrazia ed al sistema finanziario delle centrali di potere dominanti.
I dubbi sono caduti e si sono trasformati in certezze dopo l’ultima intervista di Roberto Casaleggio  al Fatto Quotidiano.
Dopo aver risposto alla domanda  postagli sull’uscita dell’euro con il solito modo ambiguo, affermando che l’Italia deve ricevere “garanzie” dall’Europa e che il problema non è l’euro ma il modo in cui viene gestito e che il vero problema dell’Italia è il debito pubblico (sic) che non diminuisce .
A successiva domanda del giornalista: “Chi se la prende con l’euro dice che la crisi italiana non dipende da corruzione, burocrazia, sprechi, evasione fiscale…”

Risponde Casaleggio : “
L’euro e l’Europa non devono essere un alibi. Noi abbiamo oggi 800 miliardi di spesa. Di questi, 100 sono tasse sul debito. Degli altri 700, possiamo tagliarne 200. Io discuterò con l’Europa sulla gestione, ma non per questo sono esonerato dal fare pulizia a casa mia”.
Quindi  con questa inequivocabile risposta Casaleggio getta la maschera e si schiera dalla stessa parte della troika di Bruxelles e Francoforte e di quanto questa sostiene: il problema dell’Italia secondo lui è l’eccesso di spesa pubblica ed il debito,  nessuna parola sul fatto che il debito si stato creato artificialmente dal cartello bancario sovranazionale dal momento del divorzio della Banca d’Italia dal Tesoro (1981) voluto da Andreatta e Ciampi, con l’effetto di far schizzare verso l’alto i tassi d’interesse sul debito che fino a quel momento corrispondevano a circa il 60% del PIL. Vedi “Le vere cause del debito pubblico italiano”.
Di conseguenza Casaleggio ed il suo movimento  avallano sostanzialmente la stessa posizione di Napolitano, di Monti, di Letta, di Draghi e della Merkel secondo i quali  la soluzione in Italia sia il taglio della spesa pubblica e le privatizzazioni del patrimonio dello Stato.
Neanche una parola poi sul fatto, oggettivamente provato, che l’euro è stato creato dalle centrali di potere finanziarie per  esautorare la sovranità degli Stati europei ed assoggettare questi  ad organi non rappresentativi, non controllati  ed oligarchici costituiti dalla Commissione Europea e dal Consiglio Europeo che emanano le loro direttive sulla testa dei popoli.
Tanto meno Casaleggio rileva il completo dominio della finanza sulla politica che si attua mediante la subordinazione degli Stati e dei Parlamenti ai voleri delle centrali finanziarie e della BCE in violazione dei principi base della stessa Costituzione (art. 42 e 43).
Per Casaleggio, Grillo ed il Movimento 5 Stelle il problema sta tutto nella casta politica, nella partitocrazia corrotta, nella  rapporti Stato- mafia, nei finanziamenti pubblici ai partiti, nei rapporti di affari dei partiti, negli inceneritori, ecc..  Neanche una parola sul tema della sovranità.
L’unica concessione che fa Casaleggio (bontà sua)nella sua intervista  è quella della necessità di rivedere il “Fiscal Compact” ed ottenere deroghe al vincolo del 3%.
Per Casaleggio e Grillo non esiste quindi una mafia dei poteri finanziari (ben più potente delle mafie locali) che hanno soggiogato l’Europa, non sono rilevanti le centinaia di miliardi sottratti all’Italia dal sistema dell’usura del cartello bancario sovranazionale dominato dai Rotschild, non è essenziale che l’Italia rinegozi i trattati europei fondamentali e vincolanti da Mastricht a Lisbona al MES/ESM, ma tutto dipende da “una buona gestione del sistema euro”.
Questo spiega perché il movimento 5 Stelle ha rifiutato qualsiasi apparentamento con il FN della Marine Le Pen e con gli altri movimenti che in Europa si battono contro l’Euro e l’oligarchia tecno finanziaria che si cela dietro le istituzione della UE.
Questo spiega perché sui temi sostanziali come l’opposizione all’immigrazione di massa ed africanizzazione dell’Italia, allo “ius soli” conseguente, un tema caro ai mondialisti, il movimento 5 Stelle abbia preso posizioni di accondiscendenza con questi principi.
A questo punto possiamo affermare con certezza, al di là delle posizioni apprezzabili mantenute da qualche esponente dei 5 stelle in varie occasioni, il movimento 5 Stelle è utilizzato come un falso veicolo di contestazione che vuole portare la protesta delle masse di italiani scontenti su binari innocui per il vero potere: la contestazione alla casta politica (già screditata)  ed al sistema dei partiti senza toccare gli interessi delle centrali finanziarie sovranazionali.
In pratica con le dichiarazioni di Casaleggio  il movimento 5 Stelle si rivela per quello che è: una sorta di “movimento arancione” etero diretto da centrali esterne o, se vogliamo, una “primavera araba” suscitata in Italia.
I cittadini italiani e quanti speravano che  Grillo ed i “grillini” fossero una leva diretta a scardinare il sistema, possono regolarsi ed esserne consapevoli: al vertice del movimento si annidano dei truffatori della fiducia accordata e manipolatori della protesta.


  • Cantabrina il 21 apr, 2014 Rispondi
    bisogna essere realisti, a gridare fuori dall’ euro come degli imbecilli siamo capaci tutti.
    Per uscire dall’ euro occorrono:
    -una banca di stato che al momento in Italia non esiste. La Banca d’ Italia è PRIVATA, proprietà delle stesse figure che partecipano la BCE. Che senso ha comprare un’ altra valuta dalle stesse persone che ci vendono l’ euro?
    -un piano energetico nazionale a lunga scadenza, perchè uscendo dall’ euro e in vista di una probabile svalutazione della nuova moneta, comprare energia puo’ diventare molto difficile se non impossibile
    -un piano di approvvigionamento di tutte le materie prime e dei semilavorati che al momento importiamo dall’ unione europea
    -un piano di approvvigionamento alimentare, perchè cio’ che produciamo in Italia non è sufficiente al fabbisogno nazionale
    -un mercato alternativo verso cui orientare i nostri prodotti in vista di dazi e limitazioni da parte dell’ UE
    Uscire dall’ euro è possibile ma sicuramente non a breve termine e non prima di aver realizzato le suddette premesse. Casaleggio evidentemente lo sà bene e parla francamente agli italiani. Chi invece sbraita fuori dall’ euro subito! O è un babbeo che non capisce nulla o un vile che cerca solo voti dai piu stolti e poi non darà seguito ai suoi proclami
    • Piero61 il 21 apr, 2014 Rispondi
      salve
      a parte qualche aizza popoli con l’elmo di cartapesta (la lega), sono certo che i movimenti a favore dell’uscita dall’euro siano prepapati a tutte le evenienze da lei elecate, sig Cantabrina e sono ben consci che tutto ciò non sarà indolore, almeno all’inizio.
      Bisogna reinvestire pesantemente sul primario e, senza “unioni” a cappio come la UE/URSS, fare accordi energetici con la Russia e l’Iran…
      saluti
      Piero e famiglia
      ____________________________________
      con la Russia e con Putin – in BOD we trust
    • Redazione il 21 apr, 2014 Rispondi
      Non bisogna accettare tutti i luoghi comuni che la propaganda dei Banksters cerca di radicare nell’opinione pubblica.
      A richiedere la procedura di uscita dall’euro per riprendersi la sovranità nell’interesse nazionale non sono capaci tutti ma al contrario sono quei pochi personaggi qualificati in Europa, i quali con coraggio e, senza equivoci ed ambiguità, hanno messo nel proprio programma al primo posto 1) l’uscita dall’euro e ritorno ad una valuta nazionale emessa dallo Stato, 2) il controllo di questa valuta affidato ad una Banca Centrale di Statto,3) la rinegoziazione dei trattati europei vincolanti come Mastricht, Lisbona, Fiscal Compact, MES e gli altri.Parlo del FN di Marine Le Pen in Francia, di Geert Wilders in Olanda (il PVV), in Belgio il movimento nazionalista fiammingo di Vlaas Belang, in Austria la FPO di Heinz Christian Strache, in Grecia Alba Dorata ed altre formazioni minori in diversi paesi. Risulta chiaro che non basta uscire dall’euro se non si dispone anche di una banca di Stato pubblica che emetta una moneta nazionale a credito (come avveniva in Italia prima del 1981). Una procedura di uscita dall’euro non sarebbe avventata, ci sarebbero dei problemi ma non quelli che vogliono far credere i Banksters preoccupati di perdere l’affidabilità sui crediti esposti verso i paesi indebitati dell’euro. L’Italia con la nuova lira potrà acquistare energia e materie prime come le acquistano paesi con una propria valuta nazionale come la Polonia, la Svezia, l’Ungheria e tutti gli altri.Il vantaggio sarebbe quello di liberarsi delle imposizioni e delle ricette neoliberiste della troika europea, tornare ad essere competitivi,sviluppare una politica economica espansiva con programma di lavori ed opere pubbliche per dare lavoro, attirare investimenti, turismo e rinegoziare il debito con i creditori. Tutto il resto sono balle. Consiglio di leggere la relazione del convegno Una Europa senza euro a cui hanno partecipato economisti e docenti qualificati http://www.formiche.net/2014/04/14/tutte-le-voci-della-battaglia-leuro-bagnai-bolkestein-passando-salvini-alemanno/ Da ultimo dico con cognizione di causa: in Germania esiste già un piano B per l’uscita dall’euro poichè i ministri tedeschi sanno già che l’euro è ormai al capolinea e potrebbe essere salvato solo se la Germania si volesse accollare i debiti degli altri paesi, cosa impensabile. Di conseguenza stiamo discutendo di un qualche cosa già segnato da prossima fine.
    • Andrea il 21 apr, 2014 Rispondi
      B€PP€ a giugno del 1992 eri presente nel panfilo britannia tu dici di NO! giocando col nome di un parlamentare dell’epoca che portava il tuo stesso cognome… peccato che noi ci si ricordi che all’epoca fu tale MENTANA ad intervistarti, anche a lui è stata rivolta la stessa domanda ma dal 2009 ad oggi, non ha mai risposto.
      B€PP€ cosa vi siete detti tu e l’ambasciatore SPOGLI il 4 APRILE 2008? Come mai l’anno seguente nacque il MO-VI-MENTO 5 STELLE?
      B€PP€ cosa vi siete detti TU ed I RAPPRESENTANTI dei 5 STELLE con l’ambasciatore THORNE dopo l’elezioni del 2013?
      B€PP€ perchè hai rinnegato AURITI non ti senti un TRADITORE eppure tu sei stato molto attento lo sappiamo, abbiamo le foto, i video e le testimonianze dei PRESENTI come il PROFESSOR PANTANO che nel 1996 erano ad ATRI al 1° corso di perfezionamento monetario tenuto dal prof. AURITI.
      B€PP€ B€PP€ B€PP€ puoi fare fessi tutti per poco tempo, puoi fare fessi alcuni per sempre ma non puoi fare fessi tutti e per sempre.
  • orsobruno il 21 apr, 2014 Rispondi
    casaleggio nn mi è mai piaciuto ma spero di votare x un m5s che abbia capito anche l’anima scura di questo personaggio.grillo forse è prestato,ma il m5s spero possa viaggiare sulla propria onda senza padri putativi
  • Werner il 21 apr, 2014 Rispondi
    Sono d’accordo con Lei sig. Piero, e le dirò di più, che mi dispiace per i milioni di nostri connazionali che si sono fatti ingannare da questo movimento truffa che si spaccia per “antipolitico” ma che in realtà é tale e quale a tutti gli altri.
    Era chiaro, era evidente che il M5S non é antisistemico, e come potrebbe esserlo visto che il suo proprietario e ispiratore, é un bilderberghino come Casaleggio legato a Telecom, e principale finanziatore il suo socio in affari, il banchiere giudeo rotschildiano Sassoon? Di tutto questo credo siano totalmente ignari, non solo gli elettori, ma anche tanti militanti che credevano in questo progetto e in esso ne vedevano una novità in grado di rovesciare il Sistema.
    É altrettanto evidente che il M5S é stato creato ad hoc dai poteri occulti per acciuffare voti a destra e sinistra, e creare quella situazione che si sarebbe poi verificata, ossia tre grandi partiti col 25% ciascuno, nessuno dei quali in grado di poter creare un proprio governo, e di fatti sono nate le famose “larghe intese” del governo Letta by Napolitano, giustificate appunto dall’esito delle politiche del 2013.
    • Piero61 il 21 apr, 2014 Rispondi
      salve
      analisi impietosa ma reale, quella del preciso Werner…non c’è da aggiungere neanche una virgola…
      saluti
      Piero e famiglia
      ____________________________________
      con la Russia e con Putin – in BOD we trust
      • Anonimo il 22 apr, 2014 Rispondi
        gli analfabeti politici non aggiungono una virgola a chi posta solo menzogne!
    • gianluca il 22 apr, 2014 Rispondi
      Finalmente qualcuno che dice le cose come stanno, senza fronzoli e senza mezze parole, ma gli elettori dell’M5S non vogliono vedere al di là del proprio naso, pensano veramente che sia un movimento anti euro, come tutte le televisioni italiane stanno cercando di farci credere.
    • Anonimo il 22 apr, 2014 Rispondi
      Analisi totalmente inesatta e non coerente con la realtà,sig.Werner lei ha dimostrato ampiamente di essere all’oscuro del pensiero politico del M5S,e molto disinformato sulle attività parlamentari dei cittadini a 5 stelle letti in parlamento.Gravissimo errore è definire il movimento pentastellato antipolitico affermazione assolutamente qualunquista e falsa,il M5S nasce come gruppo politico nel vero senso aristotelico del termine ma inequivocabilmente anti partitocratico,che sono due cose completamente diverse.Il nostro gruppo nasce in rete senza una sede,un segretario nazionale e soprattutto senza un tesoriere che possa gestire i soldi pubblici che altre forze politiche in tutti questi anni hanno incassato e investito.Quale sarebbe lo scopo occulto del M5S se non ha mai percepito e gestito denaro pubblico sottratto ai cittadini italiani?Le sue tesi sono senza fondamento e basati sul nulla solo aria fritta…chieda scusa ai cittadini italiani per le stupidaggini che ha postato!
      • Werner il 22 apr, 2014 Rispondi
        Spiacente, ma non replico agli anonimi, nè tantomeno devo chiedere scusa ai cittadini italiani in quanto non avendo offeso loro.
        • Werner il 22 apr, 2014 Rispondi
          Oops, scusate, volevo scrivere “non avendo offeso loro”, ho dimenticato a cancellare “in quanto”.
          • Anonimo il 22 apr, 2014
            Werner, non ti devi scusare affatto, sono presidente di un Movimento di cui non faccio nome, sono uno dei primi a scrivere commenti sul blog di Grillo a partire da prima del vaffa day, sono stato anche il primo a smascherare casaleggio e Sasson, immediatamente fui oscurato dal blog, inizialmente Grillo diceva che non avrebbe mai fondato un Movimento, a queste sue affermazioni, lanciai un appello sul blog per fondare noi popolo un movimento visto che Grillo ci metteva il blog a nostra disposizione, ad un tratto fondo il M5S so benissimo che era sul panfilo e sappiamo molto di più, tuttavia lo voteremo, non perche ci aspettiamo chissà cosa, bensì per smascherarlo, anche se siamo a conoscenza che il voto è simbolico alla fine ci saranno sempre tre scheramenti in parità, è un tentativo e basta, firmato Gianni Zurlo
  • Piero61 il 21 apr, 2014 Rispondi
    salve
    a “pelle” non mi erano mai piaciuti fin dall’inizio, troppe urla, un giorno dicono unacosa e, quello dopo, l’esatto contrario…sono uno del tanti “gattopardi” della politica…tutto cambi perchè tutto resti come è…
    saluti
    Piero e famiglia
    ____________________________________
    con la Russia e con Putin – in BOD we trust
    • alessandra il 22 apr, 2014 Rispondi
      Piero61…a pelle si direbbe tu stia parlando del sistema partitocratico che ci deride da decenni. Se solo avessi una minima cognizione di che cos’è il Movimento (…perchè magari ti sei preso la briga di seguirlo “in rete”), ti renderesti conto che quanto affermi è assurda scempiaggine!! SVEGLIA CHE E’ TARDI!!

No comments:

Post a Comment

Commenti