KNIGHTS_ILL

KNIGHTS_ILL

oriental

oriental

enegba

enegba

Contante Libero

ContanteLibero.it

DONATIONS

DONATIONS - TO HELP US TO DEFEND IN THE WORLD HUMAN AND CIVIL RIGHTS, BECAUSE HUMAN AND CIVIL RIGHTS AREN'T A GOVERNMENTS' OR A FALSE DEMOCRACIES' OPTIONAL...

DONAZIONI - PER AIUTARCI A DIFENDERE NEL MONDO I DIRITTI UMANI E CIVILI, PERCHE' I DIRITTI UMANI E CIVILI NON SONO UN OPTIONAL DEI GOVERNI O DELLE FALSE DEMOCRAZIE...


BTC:1DHyhYuFQGY3jz8JFJ9Ue43UL7Qzatnzi9

DRK:Xv84M1FKfPvLcBpChDFyS8bw9UFLHs2Lg7

ANC:ANYjRxrUW93966K7NW8UHhyFmtJue4RK5M

VTC:VnSwP3oMkNY1CZx3zHVC7UMQgUy7pWToQo

----------------------------------------------------------------

ADVERTISEMENT SPACES

WE REALIZE ON REQUEST PROFESSIONAL BANNERS LIKE THESE ON THIS SITE AND ALSO WEB GRAPHICS WORKS... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



IF YOU HAVE A COMMERCIAL OR PROFESSIONAL WORKING ACTIVITY, WE RENT ADVERTISEMENT SPACES ON THIS BLOG... FOR INFORMATIONS AND PRICES WRITE TO:



---------------------------------------------------------------
SEND US YOUR ARTICLES EVEN ANONYMOUSLY, WE WILL PUBLISH THEM ON THIS BLOG

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI ANCHE IN MODO ANONIMO, VE LI PUBBLICHEREMO SU QUESTO BLOG

-----------------------------------------------------------------

Il DR. BARDON ORGANIZZA CORSI ON-LINE DI SCIENZE OCCULTE

DR. BARDON ORGANIZES ON-LINE COURSES ABOUT OCCULT SCIENCES

COINCHIMP

BitLaunder

Bitplastic

Friday, June 22, 2012

Thursday, June 14, 2012

I grandi poteri economici e finanziari che manovrano Beppe Grillo



I grandi poteri economici e finanziari che manovrano Beppe Grillo

La newsletter di Democrazia Atea, il cui segretario nazionale è Carla Corsetti, fa il punto sui grandi poteri economici che sostengono non certo con spirito evangelico Beppe Grillo, cioè varie grandi aziende statunitensi e italiane, Google, Microsoft, Coca Cola, Exxon (insomma la Camera di commercio statunitense in Italia), e Aspen Institute, un laboratorio politico internazionale fondato da Gianni Letta e presieduto da Giulio Tremonti.
Così Beppe Grillo, spinto dal suo editore Casaleggio e dai grandi poteri che ne reggono le sorti, ha decisamente perso la fisionomia iniziale. Per anni ha coltivato un pubblico, cui ha dato notevoli soddisfazioni, secondo una strategia che qualunque partito cerca di seguire. Chi seguiva Grillo trovava, oltre ai suoi esuberanti spettacoli, anche un blog ricchissimo di documentazione sui problemi d’attualità. Uno fra i tanti: la Tav. I temi ecologici erano pure molto forti. Ha fidelizzato i suoi seguaci offrendo molto: un’industria culturale, o anti-culturale sentiti i detrattori, efficiente. Che però per anni ha costituito un mondo chiuso al dibattito politico. Non si accettano critiche, non ci si confronta, si disprezza. Solitamente Grillo è stato ignorato dai massmedia, tranne qualche eccezione.
Carla Corsetti offre una tesi suggestiva e soprattutto non pochi dati:
Grillo non è un uomo libero.
Le sue esternazioni sono abilmente controllate dalla Casaleggio Associati che ha ordinato al suo Influencer Marketing di non affrontare più le tematiche degli esordi.
Gli interventi di Grillo si sono concentrati via via in una direzione populista per nulla originale.
La storia è piena di dittatorelli dal piglio populista migliore del suo.

Gianni Letta
E non vedo nessuna “rivoluzione” in un uomo che non distingue la mafia dallo Stato (“Lo stato uccide più della mafia”), che nutre sentimenti xenofobi (“E’ senza senso la questione della cittadinanza ai figli degli immigrati”), che è omofobo (rivolto a Vendola: “ti saluto, frocio”).
Per un verso i suoi sproloqui sono frutto di una strategia che altri hanno deciso, ma quando Grillo si esprime senza mediazione, è figlio prediletto della democrazia diretta all’italiana nella quale gli stranieri sono criminali, i froci sono froci, e con la mafia si fanno affari perché la mafia non ti strangola.
Entrando più da vicino nella Casaleggio Associati ci si perde in un vortice di partnership dove spiccano Aspen Institute e American Chamber of Commerce in Italy.
Il Consiglio di Amministrazione della American Chamber of Commerce in Italy risulta così composto:
Enrico Sassoon, amministratore delegato dell’American Chamber of Commerce in Italy;
Umberto Paolucci, vice presidente di Microsoft Italia;

GiulioTremonti
Gian Battista Merlo, presidente e amministratore delegato Exxon Mobil Mediterranea Srl;
Gianmaria Donà dalle Rose, amministratore delegato Twentieth Century Fox Home Entertainment Italia;
Massimiliano Magrini, country manager Google Italia;
Luciano Martucci, presidente e amministratore delegato Ibm Italia Spa;
Gina Nieri, consigliere di amministrazione Mediaset Spa;
Maria Pierdicchi, direttore generale Standard & Poor’s;
Massimo Ponzellini, presidente Impregilo Spa;
Cristina Ravelli, country legal director The Walt Disney Co. Italia Spa;
Dario Rinero, presidente e amministratore delegato Coca-Cola Hbc Italia Srl;
Cesare Romiti, presidente onorario Rcs.
Quanto a Aspen Institute Italian, fondato da Gianni Letta e presieduto da Giulio Tremonti, è un “laboratorio internazionale” per prendere decisioni a porte chiuse, generalmente antidemocratiche e antipartitiche.
In sintonia e adesione con l’American Chamber of Commerce in Italy e con Aspen Institute Italian, la Casaleggio Associati non fa mistero delle sue prospettive a lungo termine:
“ Google, ancora una volta, diventa il centro della rinascita della democrazia diretta, grazie ovviamente alla Rete, nasce Gaia, il nuovo governo mondiale … ogni essere umano può diventare presidente e controllare il governo attraverso la Rete. In Gaia i partiti, la politica, le ideologie e le religioni scompaiono.”
Grillo forse ignora che la politica è l’unico strumento attraverso il quale sarà ancora possibile difendere i diritti umani, ma questo a Grillo non interessa perché con un reddito personale di quattro milioni di euro l’anno i diritti umani si possono anche comprare e al diavolo chi non può.
Quella di Grillo non è una rivoluzione ma un rigurgito di conservatorismo tra i più ritriti, quello che non ha progettualità costituente ma si limita ad intercettare il malcontento come piede di porco per scardinare ciò che ancora resta delle nostre garanzie istituzionali.
Ne è prova l’attacco frontale alla Presidenza della Repubblica all’indomani del voto, quando ha scagliato contro la massima autorità dello Stato democratico i suoi seguaci.
Che spettacolo indegno.
Con Grillo passiamo dalla Fininvest alla Casaleggio Associati, un cambio aziendale nel quale la “ragione sociale” è sempre la stessa, cambiare tutto affinchè nulla cambi.
 
Carla Corsetti
 
Segretario nazionale di Democrazia Atea
 

Wednesday, June 6, 2012

TASSE SI, MA VOLONTARIE: PROPOSTA DALLA GERMANIA

TASSE SI, MA VOLONTARIE: PROPOSTA DALLA GERMANIA

   di GUGLIELMO PIOMBINI
In tutte le democrazie occidentali la riduzione delle imposte e della spesa pubblica è diventata ormai una missione impossibile. Nessun governo, tecnico, di destra o di sinistra, sembra essere in grado di rovesciare l’innata tendenza dei nostri sistemi politici ad evolvere verso forme sempre più estese di statalismo. La ragione, forse, sta nel modo difettoso con cui sono organizzati i nostri apparati pubblici e fiscali, troppo coercitivi e burocratizzati. Probabilmente non è possibile arrestare questa tendenza con gli strumenti del normale gioco politico democratico, sperando che si formi in Parlamento una maggioranza favorevole a consistenti tagli delle tasse e della spesa pubblica, perché la logica del sistema va nella direzione opposta.
Cosa si può fare, allora? L’unica proposta veramente innovativa, in mezzo a tanto chiacchericcio ripetitivo sulla lotta all’evasione, il pagare meno per pagare tutti o la spending review, arriva dalla Germania. Uno dei maggiori filosofi tedeschi contemporanei, Peter Sloterdijk, ha scatenato infatti un acceso dibattito in Germania con la sua proposta di cambiare completamente i nostri sistemi d’imposizione fiscale, passando a forme volontarie di tassazione: l’unico modo, a suo parere, per rivitalizzare le nostre moderne democrazie, ormai trascinate alla bancarotta da sistemi fiscali sempre più esosi e polizieschi, che riducono le libertà individuali e umiliano i contribuenti. Le sue idee sono esposte in un libro da pochi giorni tradotto in Italia dall’editore Raffaello Cortina, intitolato La mano che prende e la mano che dà.
Sloterdijk fa notare innanzitutto quanto siano carenti le teorie moderne poste a fondamento del potere di tassazione degli Stati. Sarebbe vano, scrive Sloterdijk, aspettarsi dal fisco attuale una spiegazione, soddisfacente sul piano razionale, dei principi a base della sua condotta impositiva: «Chi sfoglia un libro recente di diritto tributario o di finanza pubblica si imbatte in una marea di banalità stataliste … Da nessuna parte troviamo la benché minima traccia di una giustificazione delle tasse all’altezza dei tempi». La verità è che «lo Stato odierno, come tutti i suoi precursori, è uno Stato che prende sempre quanto riesce effettivamente a prendere. Se mai lo si dovesse mettere di fronte alla necessità di motivare questo suo prendere, si constaterebbe come sia ormai abituato a ruotare in tautologie»: lo Stato tassa perché ha bisogno di soldi, e tassando dimostra di cosa ha bisogno. La sua legittimazione a prendere viene presupposta in via dogmatica.
Storicamente, osserva il filosofo tedesco, si sono avuti quattro modi diversi di prelievo e altrettante giustificazioni da parte dei governi. Il primo è quello del saccheggio della tradizione bellico−predatoria, che anche dal punto di vista storico rappresenta la prima modalità di arricchimento statale. Si ha quando un esercito vincitore impone il “tributo” alle popolazioni vinte. La seconda modalità per procurare e giustificare introiti statali deriva dalla tradizione autoritaria e assolutistica delle “imposte”, secondo cui i sudditi sono obbligati a pagare quanto dall’alto decide unilateralmente l’autorità, come prezzo da pagare per vivere in condizioni regolamentate sotto l’ombrello protettivo del Leviatano statuale. A questa modalità, secondo Sloterdijk, si richiama gran parte dell’attuale cultura fiscale, dato che le procedure della fiscalità contemporanea scaturiscono, senza soluzioni di continuità, dalle tradizioni assolutistiche. Il terzo metodo per procurare e giustificare le tasse nella collettività moderna è quello del “contro−esproprio” della tradizione socialista e di sinistra. Se la “proprietà è un furto”, allora lo Stato deve riparare questa ingiustizia “espropriando gli espropriatori”, cioè attuando un contro−furto ben dosato per mezzo del fisco. Infine, il quarto modo per reperire e giustificare le entrate della mano pubblica è rappresentato dall’attività di donatori e benefattori della tradizione filantropica.
La prima modalità, quella del diritto di conquista, oggi non più accettabile perché si ritiene che, negli stati di diritto, il saccheggio esterno deve essere totalmente sostituito dalla tassazione interna. Sloterdijk osserva quindi che i nostri attuali sistemi fiscali possono essere compresi solo come un amalgama tra la seconda e la terza modalità di giustificazione del prelievo fiscale, quella assolutistica e quella socialista. Fondendosi, queste due concezioni hanno prodotto un blocco che non ha lasciato ai sostenitori della concezione della tassazione volontaria altra opzione se non quella di sottomettersi. Sloterdijk sospetta che, dalla Rivoluzione Francese in poi, abbiamo coltivato un’errata concezione progressista del mondo, dato che in realtà non è avvenuta alcuna cesura così profonda come ci viene fatto credere. Ben poco infatti è cambiato rispetto alla monotona storia di rapacità fiscale dell’umanità.
Eppure, sostiene Sloterdijk, in un autentico sistema democratico i versamenti nelle casse dello Stato dovrebbero essere concepiti come doni attivi a vantaggio della comunità, non come tributi di sudditanza. Soltanto un sistema di tassazione basato sulla libera scelta dei cittadini, consapevoli e attivi, potrebbe metter fine al degradante sistema dei prelievi coatti, che tratta i contribuenti come soggetti passivi da premere e da gabellare a piacimento. Un sistema del genere, dice Sloterdijk, finirebbe per essere ben più vitale, umano ed efficace di quanto posano mai essere le procedure fiscali obbligatorie oggi dominanti: ottuse, anonime, inefficienti, dissipatrici e soggette a continui abusi.
Un sistema di tassazione volontaristico produrrebbe dei cambiamenti psicologici immensi nei cittadini: cesserebbe il loro malumore verso lo Stato e la politica, e si ridesterebbe l’impegno sociale e comunitario. In una società rimodellata sullo spirito del dare, spiega Sloterdijk, il gesto della beneficenza diventerebbe sempre più comune, apportando alla fiscalità pubblica gran parte di ciò che oggi le serve per consolidarsi. La donazione a vantaggio del bene comune potrebbe dunque trasformarsi, nel tempo, in un’abitudine psicopolitica consolidata, impregnando le popolazioni democratiche di una sorta di seconda natura. Esonerati dalla necessità di dare a favore di un obiettivo imposto, i cittadini non si lascerebbero assolutamente sfuggire la possibilità di effettuare gli investimenti necessari nei settori che stanno loro più a cuore, come l’ambiente, l’istruzione, la ricerca medica e mille altre cose. Dopo una lunga era di passività imposta, i cittadini tornerebbero insomma a scoprire la bellezza del dare e di contribuire a progetti d’interesse comune.
Un sistema volontario di tassazione, in realtà, non è un’utopia libertaria, ma ha avuto degli esempi storici importanti, come l’antica “liturgia” greco−romana o le più moderne forme di mecenatismo. Charles Adams, in un libro pubblicato in Italia dall’editore Liberilibri intitolato For Good and Evil. L’influsso della tassazione della storia dell’umanità, ricorda che gli antichi greci manifestarono il proprio genio non solo inventando una civiltà senza dispotismo, ma anche un sistema fiscale su base volontaria, privo di burocrazia, di uffici governativi e di forze di polizia. Gli antichi greci avevano infatti capito, guardando agli imperi orientali, che dispotismo e tassazione erano strettamente legati. In Grecia i cittadini più facoltosi di ogni città venivano chiamati a pagare i beni pubblici come l’equipaggiamento militare, le navi da guerra, i giochi atletici, i divertimenti pubblici, e raramente qualcuno si sottraeva a questo dovere, chiamato “liturgia”. Da ogni cittadino ci si aspettava una certa cifra, ma il più delle volte essi davano molto di più, anche il doppio o il triplo, per dimostrare l’attaccamento alla propria comunità (un fatto oggi impensabile!). È probabile, osserva Adams, che in questo modo la comunità abbia ricevuto più averi dai ricchi nell’antica Grecia che nelle nostre democrazie a tendenza socialista.
I critici di Sloterdijk, provenienti soprattutto dalla sinistra, lo hanno accusato di voler provocare un crollo delle entrate dello Stato, per favorire i ricchi. Secondo questi “amanti della coercizione” (così li ha definiti Sloterdijk) il cittadino, se non costretto con la forza, si rintanerebbe nel proprio più gretto interesse egoistico e non farebbe più nulla per la comunità. Questa visione “misantropica” secondo Sloterdijk si basa su una concezione errata e unilaterale della natura umana, dato che l’uomo è un essere duplice, non solo egoistico, ma anche capace di gesti di generosità. È possibile che all’inizio molte entrate dello stato si riducano, anche drasticamente (e questo non è necessariamente un male), ma è possibile anche che determinati beni pubblici che godono di particolare interesse risultino più finanziati di quanto lo siano oggi. Ed è anche probabile che si instauri un benefica concorrenza tra lo stato centrale e i diversi enti locali (o addirittura le associazioni private no-profit), se ai cittadini viene permesso di scegliere l’ente cui versare le tasse.
Per procedere per gradi, all’inizio si potrebbe lasciare facoltativa solo una parte dell’imposizione fiscale, o quantomeno controllata sul piano della destinazione, ad esempio estendendo i meccanismi del 5 x 1000. Col tempo il carattere volontario della tassazione dovrebbe essere ampliato. In definitiva, quello di Sloterdijk potrebbe costituire, come egli stesso riconosce, un “pensiero politico visionario” a favore dei ceti medi produttivi, oggi divisi e privi di rappresentanza politica, così come nel XIX secolo il socialismo lo è stato per il proletariato industriale. Quello che è certo è che solo un cambiamento dei nostri sistemi fiscali nella direzione della volontarietà potrà impedire alle moderne democrazie di collassare sotto il peso della crescente e inarrestabile esosità dei sistemi fiscali coercitivi, come è accaduto a tante civiltà del passato.

Friday, June 1, 2012

THE LIBERTARIAN MEDIATEQUE

Dopo molto lavoro stiamo rendendo pubblici tutti i documenti che spiegano come è avvenuta la crisi e chi sono i responsabili. Questa sezione comprende sia libri che video. La sezione verrà aggiornata periodicamente con l'aggiunta di nuovi documenti ad integrazione e completamento della stessa.

Istruzioni per l'uso dell'archivio:
scaricare i libri seguendo i links; poi decriptarli usando la password con la funzione -copia e incolla-; per vedere i video usare un programma per guardare video, ce ne sono tanti gratis... (Tipo Real Player).
Anche i video, per motivi di riservatezza, vista la natura degli argomenti qui trattati, devono essere scaricati prima di essere visti...

Se per caso qualche link non dovesse funzionare, mandatemi un'e-mail e li ripristinerò in pochissimo tempo.

Grazie. 
Vi raccomando di condividere il più possibile tutto questo materiale ESTREMAMENTE IMPORTANTE PER IL NOSTRO FUTURO E LA NOSTRA SALVEZZA...


LIBRI:
1) BANKENSTEIN- libro
http://bayfiles.com/file/bClb/cbBXUC/L1.exe
Pass:qwr46ty&%(/\hrty
-----------------------------
2)Storia di Bankenstein
http://bayfiles.com/file/bFrr/mEbnfU/L2.exe
Pass:LlGywRT653*+§àfq
----------------------------
3) Il Libro Nero Del Comunismo - Uno Stato Contro Il Suo Popolo - L3
http://bayfiles.com/file/cAd5/k8KkLj/L3.exe
Pass:rt56/898)ydgtew1"!\
-------------------------------------------------
4) Fascismo - Ordinamento dello Stato - L4
http://bayfiles.com/file/cAeT/5KCvOn/L4.exe
Pass:65taGgoOc34%6àwu
-------------------------------------------------
5) Varios - Stalin. First In-depth Biography Based on Explosive New Documents from Russia’s Secret Archives - L5
http://bayfiles.com/file/cAgr/T3ombH/L5.exe
Pass:oty5&7821"£pt\!ì
-------------------------------------------------
6) Orwell, George - 1984 - L6
http://bayfiles.com/file/cAhL/aPleaj/L6.exe
Pass:9yurh3367qvn=?è+*
-------------------------------------------------
7) [SIGNORAGGIO - libro] €uroschiavi (euroschiavi, prima edizione), 2005 - Marco Della Luna, Antonio Miclavez - L7
http://bayfiles.com/file/cAl3/m2i1p1/L7.exe
Pass:ty6hsnNyYujiJope3$0=91uté+ù§
-------------------------------------------------
8) Tesi-Di-Laurea-Su-Signoraggio-e-Nwo - L8
http://bayfiles.com/file/cAoz/Re2Vc5/L8.exe
Pass:ifbzm;,.ò.,i8098/\&ut0928
-------------------------------------------------
9) A History of Fascism, 1914-1945 (1995) by Stanley George Payne - L9
http://bayfiles.com/file/cArf/VMuGSI/L9.exe
Pass:grt46aoKkij!)(7?'.wt1£&òà+
-------------------------------------------------
10) Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo - La Casta - L10
http://www13.zippyshare.com/v/85570982/file.html
Pass:et467qqujnDr567/òHGTQoOghk946bcxxZz
-------------------------------------------------
11) Gian Antonio Stella Sergio Rizzo La Deriva - L11
http://www1.zippyshare.com/v/36649312/file.html
Pass:try57(90'qhndoyTRRrewdagHnjhya41"1!
-------------------------------------------------
12) Agente Italiano - Pronto Chi Spia - L12
http://www18.zippyshare.com/v/98741175/file.html
Pass:iy76643gcnhOi90?$£"!hnhftrkILPé°L
-------------------------------------------------
13) Braschi Tony - Il libro nero del Vaticano - L13
http://www65.zippyshare.com/v/84322987/file.html
Pass:uytr57/\\//ui=?^ìàlhmfdga48320221YUyuioe
-------------------------------------------------
14) Maurizio Blondet - Gesù E Roma, Affare Di Stato - L14
http://www22.zippyshare.com/v/34779180/file.html
Pass:ty56wte('prypkdltTDEIUOQ7%6&4?!=
-------------------------------------------------
15) The Sword And The Shield - The Mitrokhin Archive And The Secret History Of The KGB (1999) by Christopher Andrew - L15
http://www54.zippyshare.com/v/28263595/file.html
Pass:trg49923623GHytrgDFGM&hg5$£$=òdi=)(/
-------------------------------------------------
16) ITA Il Club Bilderberg - Estulin Daniel - L16
http://www4.zippyshare.com/v/95573644/file.html
Pass:et46us()/twt cnDçPFgfhty4%:;_
-------------------------------------------------
17) Marxian Utopia - A Theoretical Critique of Marxism (1985) by Neven Sesardic - L17
http://www1.zippyshare.com/v/32378222/file.html
Pass:etrjgj58qtREty6&?'ìì^^klfjn_çé£4eq
-------------------------------------------------
18) Crisi finanziaria e Nuovo Ordine Mondiale - L18
http://www33.zippyshare.com/v/41383567/file.html
Pass:g465%%yutiéèòwwo!\*ùktU78UJmte4£"!
-------------------------------------------------
19) G. Prezzolini - Codice della Vita Italiana - L19
http://www50.zippyshare.com/v/52493101/file.html
 oppure
http://www.crocko.com/A50439FF74EE4342903A65E85669DCBA/G._Prezzolini_-_Codice_della_Vita_Italiana.rar
Pass:$%tey107lldpénat!\/4/0?^ìèfan:;-_
----------------------------------------------------
20) Barnard - Nonna ti spiego la Crisi Economica - L 20
http://www31.zippyshare.com/v/93928999/file.html
OPPURE
http://bayfiles.com/file/LQm3/3OuYnk/GHTUI.rar
Pass:7ryrtegdvbry78£$21@@@ç€[]
---------------------------------------------------
21) J. Perkins - Confessioni Di Un Sicario Dell'Economia - L 21
http://www63.zippyshare.com/v/61947273/file.html
Pass:yrt4%?^@[][+*y13!
------------------------------------------------
22) DIFENDITI DA EQUITALIA - L 22
http://www.datafilehost.com/d/f4b25b1a
Pass:)=è+\j&z<nrtoPFN
------------------------------------------------
23) Richard Teather -The Benefits Of Tax Competition - L 23
 http://www.datafilehost.com/d/b0b22a7f
Pass:uyitty446%&/*?2@#
------------------------------------------------
24)  Piano Kalergi - Le vere origini dell'unione europea - L 24
http://www71.zippyshare.com/v/71117133/file.html
Pass:uiuyy6&@#[€93h445
------------------------------------------------
25) Neil Richards - THE DANGER OF SURVEILANCE - L 25
http://www32.zippyshare.com/v/2932376/file.html
Pass:oirtR456Y)(
-------------------------------------------------
26) Anonimo - Lista Pecorelli+Elenco appartenenti alla Loggia P2+Piano di Rinascita Democratica
http://www58.zippyshare.com/v/GRyeGfxd/file.html
Pass:6wr33é£!Uo0??lr@]DM[[*£GHw|
**********************************************************************************
VIDEO:
1) Nigel Farage - Governi Fantoccio per Grecia e Italia
     http://bayfiles.com/file/bFfL/8MYI0Q/V1.exe
    Pass:éòç§re4312\as
---------------------
2) Debtocracy - Multi Sub - V2 (DEBITOCRAZIA)
- COME IL GRUPPO BILDERBERG/ILLUMINATI/COMMISSIONE TRILATERALE HA                DERUBATO LA GRECIA E COME ORA LA HA FATTA FALLIRE -

V2.part1.rar
http://www15.zippyshare.com/v/66854770/file.html
V2.part2.rar
http://www13.zippyshare.com/v/25333991/file.html
V2.part3.rar
http://www64.zippyshare.com/v/24790806/file.html
V2.part4.rar
http://www66.zippyshare.com/v/38844538/file.html
V2.part5.rar
http://www2.zippyshare.com/v/12802795/file.html
V2.part6.rar
http://www13.zippyshare.com/v/18948010/file.html
V2.part7.rar
http://www1.zippyshare.com/v/24127138/file.html

Pass.:='eryTNk650617/&%hmP0oOJijJrw2!$Xx
-------------------------------------------------
3) Il piano per cui lavora Mario Monti - V12    http://www5.zippyshare.com/v/89926540/file.html
    Pass:utyrh464&iUyTr562hd=?òà°
-------------------------------------------------
4) Rapina di Stato_Tremonti - V13
    http://www64.zippyshare.com/v/73738659/file.html
    Pass:et3648jgjnrrRTKiatgw6320?èé++*òàsag2()/53t&
-------------------------------------------------
5) Il Grande Golpe Globale - Chi sono Mario Monti e Luca Papademos- V14
    V14.part1.rar
    http://www4.zippyshare.com/v/88265582/file.html
    V14.part2.rar
    http://www3.zippyshare.com/v/78551882/file.html
    Pass:hgyturmwpqp201735yfntvmosue$)(_°§(|yru
-------------------------------------------------
6) LA VERA STORIA DELL'UNITA D'ITALIA - V15
   http://www63.zippyshare.com/v/58791071/file.html
   Pass:rtdg36%jUyhEwq140901"éàç§
-------------------------------------------------
7) 150 anni di Verità nascoste sull'Unità d'Italia - V16
     http://www17.zippyshare.com/v/62284734/file.html
     Pass:bgò)7ewth&t65189iolsàù_*+ì
-------------------------------------------------
8) L'ELENCO DEI 43 MASSONI ITALIANI DEL GRUPPO BILDERBERG - V17
    http://www1.zippyshare.com/v/55185013/file.html
    Pass:iyjth57een4%$u1l?'_-
-------------------------------------------------
9) Islanda - La rivoluzione silenziosa - V18
    http://www3.zippyshare.com/v/1555681/file.html
    Pass:Ghen5(uYNmntare2@0eitkxà°
--------------------------------------------------
10) Trattato di Lisbona in Pillole - V5
http://www38.zippyshare.com/v/91594816/file.html
Pass:6016gG!iIl*+à)7\ghuy
-------------------------------------------------
11) Aaron Russo - America dalla Libertà al fascismo - V6

V6.part1.rar
http://www64.zippyshare.com/v/10379203/file.html

V6.part2.rar
http://www16.zippyshare.com/v/17886155/file.html

V6.part3.rar
http://www23.zippyshare.com/v/98140425/file.html

Pass:kfgniIUDgRMWnkmwxtu)0='+*
-------------------------------------------------
12) David Icke - Un Nuovo Ordine Mondiale - NWO - V7

Un Nuovo Ordine Mondiale Documentario 2005.part1.rar
http://www34.zippyshare.com/v/44852392/file.html

Un Nuovo Ordine Mondiale Documentario 2005.part2.rar
http://www56.zippyshare.com/v/65919724/file.html

Un Nuovo Ordine Mondiale Documentario 2005.part3.rar
http://www43.zippyshare.com/v/90061062/file.html

Pass:prhn34$5%&7g2!£o=wMgrq6710234$
---------------------------------------------------
VIDEOGAME_TAX AVOIDERS_ COMPUTER RETRO' ATARI 2600+EMULATORE - V20

In risposta alla pubblicità sul MONOPOLY CON CARTA DI CREDITO.

Videogame che fa capire ai bambini l'importanza di non pagare le tasse.
E' del 1982 MA E' SEMPRE ATTUALE. RACCOMANDATO.


http://www50.zippyshare.com/v/61990816/file.html
oppure
http://www.crocko.com/BC9CA487192444FFB727EA1CCA17B96E/TA.rar
Pass:36253tegdbc0996566wqtwr36fm£45@@?'^ìèèè++**
-------------------------------------------------